Sovizzo: approvato il nuovo Regolamento Energetico

Regolamento energetico

Regolamento energetico, l’Amministrazione comunale prosegue il suo lavoro nell’ottica di un utilizzo virtuoso delle risorse, partito nel 2010 con l’adesione al Patto dei Sindaci.

Il Comune di Sovizzo ha approvato il testo del Regolamento Energetico per l’edilizia privata. Si tratta di un passo ulteriore nel cammino partito con l’adesione al Patto dei Sindaci nel 2010, proseguito poi con la redazione del Paes e l’ottenimento della Certificazione energetica (2014) come primo comune del Veneto, quarto in tutta Italia.

Il regolamento energetico vuole essere uno strumento pratico e utile per la progettazione e la costruzione di edifici da parte dei privati, che assicurino un reale risparmio energetico focalizzandosi sul miglioramento della qualità del costruito con particolare attenzione ai consumi. L’obiettivo è quello di garantire un comfort abitativo ottimale con un apporto di energia inferiore grazie ad uno studio razionale dei dispositivi da mettere in atto, contribuendo così alla riduzione degli sprechi e delle emissioni di gas inquinanti nell’atmosfera.

L’attenzione dell’Amministrazione nella fase di redazione si è incentrata principalmente su un’importante implementazione della vigente normativa in materia, andando ad insistere su alcuni aspetti che incidessero realmente sulla sostenibilità degli interventi. Nello specifico il regolamento prende in esame alcuni punti quali:

  • Schermatura solare. L’importanza di una buona protezione dall’irraggiamento solare delle superfici vetrate rivolte a sud, soprattutto nei mesi più caldi dell’anno, consente un consistente risparmio nell’operazione di raffrescamento degli ambienti, incidendo in maniera importante sui consumi e di riflesso sul risparmio in bolletta.
  • Orientamento degli edifici. In fase di progettazione di un nuovo edificio deve essere tenuto conto del suo orientamento secondo l’asse Est-Ovest. Questo andrà ad incidere positivamente su diversi aspetti, quali l’orientamento delle falde e il posizionamento di pannelli per sistemi fotovoltaici.
  • Impianto di addolcimento delle acque. La ricca concentrazione calcarea dell’acqua impone l’installazione di un sistema di addolcimento che consenta di ovviare al problema del deposito nelle tubazioni. Le incrostazioni, oltre alla riduzione del flusso di liquido all’interno dei tubi, compromettono sensibilmente la conducibilità termica verso l’esterno. Questo richiede un dispendio di energia maggiore per il riscaldamento degli ambienti, con relativo aumento dei costi.
  • Recupero delle acque meteoriche. Circa il 30% dell’acqua utilizzata per uso domestico viene impiegata per lo scarico del WC. Recuperando e riutilizzando a questo scopo le acque meteoriche si andrebbe ad incidere notevolmente sul risparmio di acqua potabile, che verrebbe destinata ad altri usi casalinghi. Lo stesso concetto può essere applicato per i sistemi di irrigazione, sempre nell’ottica di un contenimento importante dei consumi.

La volontà è quella di premiare incentivando tutti quegli interventi, sia di nuova costruzione o di ristrutturazione, che effettivamente portino agli obiettivi preposti dal regolamento. A questo scopo sono presenti diverse schede, con funzione di valutazione del valore dei requisiti specifici adottati, la cui somma ha come risultato l’Indice di Sostenibilità dell’intervento. A seconda di questo punteggio, previo controllo sull’effettiva messa in opera di quanto proposto in fase di progetto, ci sarà la possibilità di accedere ad un incentivo con valore tra il 5 e il 15% del contributo di costruzione.

Per sostenere il cittadino nella conoscenza del regolamento sta per nascere lo Sportello Energetico. Il progetto vedrà la luce anche grazie alla collaborazione dell’Ing. Alessandro Baricca, che ha curato la predisposizione del regolamento di cui sopra, e sarà un utile strumento di consultazione per tutti i privati che volessero far partire una nuova edificazione o una ristrutturazione, ma anche per gli stessi professionisti del settore.

“Questo regolamento è un passo ulteriore che l’Amministrazione si è sentita in dovere di compiere – dichiara il sindaco Marilisa Munari -, per continuare sulla strada di una buona gestione dell’energia. Attraverso gli incentivi che verranno erogati si vuole far prendere coscienza ai cittadini che un utilizzo avveduto dell’energia significa non solo risparmiare, ma anche e soprattutto prestare attenzione all’ambiente che ci circonda.”

 

 

 

 

 

Comune di Sovizzo

Redazione web 20/02/2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *