Arzignano: concerto sinfonico di Natale

IMG_3214

Concerto sinfonico di Natale: Teatro Mattarello, 11 Dicembre 2015. L’assessore Mattia Pieropan: “Quest’anno il nostro tradizionale Concerto di Natale è stato inserito nel prestigioso programma dell’Istituto Regionele Ville Venete, un riconoscimento che esalta ancora di più la qualità dell’esecuzione dell’Orchestra di Padova e del Veneto e del nostro concittadino Antonio Camponogara”

Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Romolo Gessi

Pianista Antonio Camponogara
Il concerto sinfonico di quest’anno è incentrato sulle musiche di L.v. Beethoven (1770-1827) e Aleksandr Skrjabin (1872 -1915), di cui ricorre il centenario della morte. Del sommo compositore nato a Bonn e vissuto a Vienna ascolteremo in apertura L’Ouverture “Le rovine di Atene”op. 113, musiche di scena composte nel 1812 per celebrare il Re Stefano, primo benefattore dell’Ungheria.
La scena e la trama sono ambientate nella città di Atene in rovina e occupata dai Turchi. Minerva vorrebbe portarsi a Roma , ma anche la città eterna è dominata dai barbari; è sulle rive del Danubio che occorre trasferirsi. In veste di pellegrini gli Dei raggiungono la città di Pest; sopraggiunge un corteo dove troneggiato le statue di Talia e di Melpomene, circondate da grandi personaggi tragici fra cui Coriolano, Guglielmo Tell, Maria Stuarda, Egmont. Le statue vengono introdotte nel nuovo tempio dedicato alle Muse della commedia e della tragedia e collocate su due distinti altari , fra i quali per prodigio improvvisamente appare un terzo altare con il busto dell’imperatore Francesco I , il cui capo viene subito incoronato da Minerva con un ramoscello d’ulivo . Il popolo d’Ungheria acclama entusiasticamente il monarca giurandogli eterna fedeltà.
Skrjabin, insieme al quasi coetaneo Rachmaninov è uno dei più geniali esponenti del grande concertismo russo. La storia del suo pianismo tende a configurarsi come quella dell’assimilazione del modello chopiniano dalla quale sortirà uno stile personalissimo. Il concerto op. 20 composto in età giovanile, è l’unico della sua immensa produzione musicale.
Concluderà il concerto l’Ottava Sinfonia in fa maggiore op. 93, la più breve delle composizioni di Beethoven. Di carattere brillante e spirituale essa segna un ritorno inatteso ad una forma classica, consona ai modelli di Haydn e Mozart. L’ottava Sinfonia rappresenta un’Opera della maturità artistica del compositore per la cura del lavoro strumentale ed il sapiente sviluppo del gioco armonico.

Biglietto unico 5.00 Euro
acqustabili la sera dello spettacolo

o in prevendita presso l’Informagiovani (in Biblioteca)
dalle 16.00 alle 19.00 dal Lunedì al Venerdì

Organizzazione in collaborazione dell’Istituto Regionele Ville Venete e Arteven

 

 

 

Comune di Arzignano

Redazione web 9-12-2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *