Arzignano: inaugurata la rotatoria del Kennedy

resource.image

“Con questa rotatoria ci siamo posti due obbiettivi” commenta il Sindaco Gentilin. “Da un lato eliminare l’ultimo semaforo lungo la strada provinciale; dall’altro, con le rotatorie della Madonnetta e la futura rotatoria all’incrocio di San Zeno, creare una sorta di circonvallazione cittadina, che permetta al traffico di scorrimento di muoversi velocemente, senza utilizzare la Città come scorciatoia per saltare le code ai semafori”.

Si sono conclusi, in anticipo rispetto al cronoprogramma, i lavori, avviati i primi giorni di aprile 2015, per la realizzazione della nuova rotatoria cd. delKennedy, con l’eliminazione dell’ultimo semaforo lungo la strada provinciale diretta a Chiampo.

IL PROGETTO. Una nuova rotatoria all’intersezione tra via Duca d’Aosta, via Kennedy, via dell’Industria e via Tiro a Segno, in sostituzione del preesistente incrocio semaforizzato, intersezione interessata da un passaggio di 43.700 veicoli al giorno (il 10% dei quali sono veicoli pesanti): questa l’opera realizzata dall’Amministrazione.

Nello specifico, la rotatoria di forma allungata ha un raggio esterno di circa 16 metri, è dotata di corsie preferenziali perle svolte a destra dalle vie secondarie alla principale, funzionali ad unamigliore distribuzione delle correnti veicolari nel nodo, adeguati percorsi per l’attraversamento in sicurezza dei pedoni e delle biciclette, una rinnovata illuminazione pubblica.

“Il costo complessivo dell’opera” commenta l’assessore ai Lavori Pubblici Angelo Frigo, “è stato di 500.000 euro. Un ringraziamento particolare va all’Ufficio Lavori Pubblici, al direttore lavori e all’impresa esecutrice, che hanno saputo rispettare i tempi del cronoprogramma, pur lavorando in un contesto molto difficile per l’elevato traffico, senza mai interrompere un giorno la circolazione veicolare”.

 

 

Comune di Arzignano

Redazione web 28-10-2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *