Arzignano: potature invernali, gli alberi fanno il check-up

Carpini parco Mantovano

Sono iniziati i lavori invernali di controllo della stabilità, potatura e manutenzione delle alberature comunali. Un intervento di monitoraggio e verifica a tappeto, di tutti gli alberi, con personale specializzato e strumentazione specifica, per assicurare lo sviluppo in salute e la sicurezza statica degli alberi che adornano parchi, aiuole e giardini pubblici.


L’Assessore Alessio Tonin spiega: “La città di Arzignano ha una dote di verde pubblico consistente, con oltre 31 ettari di verde gestito e più di 4.600 alberi. Gli alberi si trovano distribuiti su 240 aree di varia dimensione e funzione, dai più grandi come il Parco della Biodiversità, il Parco dello Sport e il Parco di Villa Brusarosco, alle aree verdi più piccole che però ospitano alberi maestosi, come per esempio il Calocedro di Tezze. Gli alberi sono sottoposti ad un monitoraggio continuo e periodicamente vengono fatte le perizie di stabilità. In tal modo si garantisce la sicurezza ela crescita armoniosa degli alberi”.
La manutenzione ordinaria del verde è affidata interamente in appalto al Consorzio di cooperative sociali Prisma. Il programma prevede un intervento di potatura almeno ogni tre anni, solo se necessario, nel rispetto della forma e del portamento dell’albero, dello stadio di sviluppo e in base alle esigenze di manutenzione legate alla particolare posizione di ciascun albero.
Quest’anno si intende intervenire per aree omogenee su circa 1.600 alberi, andando a potare alberi su cui si è intervenuti circa 3 anni fa e su alcuni alberi individuati a seguito di specifica verifica di stabilità.
In particolare le zone interessate dall’intervento sono: Castello, Centro, Quartiere Mantovano, Parco della Biodiversità e Parco di Villa Brusarosco, oltre ad alcuni alberi sparsi in altre zone e bisognosi di potature particolari.
Le cooperative, con personale professionale specializzato, valutano attentamente albero per albero, in collaborazione con i tecnici comunali, intervenendo solo ove necessario con una potatura mirata. I platani saranno trattati nei mesi di febbraio e marzo, per dare il tempo al servizio fitosanitario di effettuare, se necessario, i controlli previsti per legge.
Il Sindaco Giorgio Gentilin conferma che “mantenendo costantemente le piante monitorate riusciamo a garantire la sicurezza e a rendere la città bella e piacevole. Con le potature periodiche degli alberi diamo forma al verde del futuro, curiamo le parti malate, rimuoviamo le parti morte e pericolanti, andiamo a ridurre le chiome se oscurano i  lampioni e i segnali o tolgono visibilità. Si tratta di un intervento organico e programmato che ci garantisce un verde di qualità”.

 

 

Comune di Arzignano

Redazione web 29-1-2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *