Distretto della Pelle: da ottobre via al corso per manager dei processi conciari

Si terranno a fine settembre le selezioni per il corso di specializzazione post diploma che formerà i futuri manager dei processi conciari, ufficialmente al via da metà ottobre presso l’ITIS Galilei di Arzignano.

Pr partecipare alla selezione è sufficiente essere in possesso di un diploma di scuola superiore e presentare domanda presso la segreteria dell’ITIS Galilei entro la metà di settembre.

Questo innovativo percorso di specializzazione per l’industria conciaria è il risultato dell’accordo sottoscritto tra Distretto della Pelle, Stazione Sperimentale, ITIS Galilei e Fondazione Cosmo.

Dopo aver ottenuto il via libera da parte della Regione, il Comitato Tecnico Scientifico del Galilei, i rappresentanti delle aziende e delle associazioni, alcuni tecnici dell’AICC e gli esperti della Fondazione Cosmo, hanno individuato la figura professionale che dovrà uscire dal bienno post diploma: un vero e proprio manager di processi conciari, una figura che gli stessi imprenditori del settore hanno già richiesto e “prenotato”.

“La figura professionale in uscita – spiega il dirigente scolastico dell’ITIS Galilei Carlo Alberto Formaggio – è concordata con le più significative aziende del settore conciario del territorio che hanno partecipato attivamente alla stesura de profilo propriò perchè le possibilità di occupazione siano molto concrete. Non volevamo creare una figura staccata dalle esigenze lavorative, ma rispondere a una grande attesa del territorio”.

Si tratta di un corso impegnativo con cinque ore di lezione il pomeriggio per un totale di mille ore annue, 600 delle quali in aula e 400 di tirocinio nelle aziende.

Il corso offrirà ai partecipanti una solida preparazione con conoscenze specifiche dei processi di produzione della pelle: organizzazione aziendale, costi di produzione, tecnologie applicate alla sostenibilità dei processi conciari, impiego dei prodotti chimici in tutte le fasi del processo e ottimizzazione degli impianti. Non mancheranno gli scambi con altre scuole del territorio, in primis con il CFP di Chiampo.

Parte delle lezioni tecniche sarà tenuta in lingua inglese ed è previsto uno stage all’Università di Northampton. Non solo, l’obiettivo è di ottenere il riconoscimento del corso come biennio per l’Università di Northampton.

“È una grande soddisfazione la concretizzazione del corso veneto del Politecnico del Cuoio, progetto che si estende a livello nazionale – dichiara il presidente della Stazione Sperimentale Paolo Gurisatti -. La Stazione Sperimentale cofinanzia il progetto per le spese correnti e gli investimenti in tecnologie e laboratori presso l’ITIS Galilei, di cui potranno beneficiare anche gli studenti del diploma quinquennale.”

“È l’occasione di imboccare la strada di Industria 4.0 – sottolinea Paolo De Marzi, vice-presidente del Distretto della Pelle – e di fare del nostro distretto sempre più un’eccellenza anche a livello dell’offerta formativa. Dopo un lunghissimo lavoro con il Comitato Tecnico Scientifico del Galilei, con l’indispensabile contributo di Antonio Galiotto e Santo Mastrotto, ora possiamo credere al futuro di questo distretto. È un’enorme soddisfazione ed un segnale estremamente positivo notare molte aziende del settore informarsi di questo corso ed addirittura manifestare una esplicita intenzione di assunzione  dei nuovi manager della concia. Da qui si scriverà il nuovo futuro del distretto della pelle”.

 

 

 

Ufficio Stampa Distretto della Pelle

Redazione web 14/07/2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *