Litfiba e Piero Pelù

Litfiba

E’ importante la fase di attesa di un concerto rock: la coda per biglietti e birre, l’acquisto delle bandane, le chiacchiere frivole e gli aneddoti sui concerti visti.

E’ nella frenesia dell’andirivieni che si assapora l’atmosfera; perché il concerto non lo fa la band, ma il pubblico.

Come sono vestiti gli spettatori? Che energia hanno addosso? Per la Reunion l’età degli spettatori va dai 5 ai 65 anni, ovvero un pubblico di over quaranta inchiodati agli anni novanta con qualche bambino a far da balia a una mamma super fan.

Padova è la prima tappa del tour dei Litfiba e Piero Pelù è di fatto la star, e come tale agisce da padrone di casa. Il benvenuto lo dà con “Lo spettacolo deve ancora cominciare” e quasi subito canta “Vivere il suo tempo”; ma sono altre le canzoni che tutti stavamo aspettando: e arriveranno, lo sappiamo.

Pelù ci mostra senza vergona il suo animo rock, diventato forse più consapevole e si adegua agli stili odierni introducendo ogni pezzo con una breve battuta: la sua anima toscana, beffarda e schermitrice, la fa da padrona. E’ lei a indicare la direzione mentre i suoi muscoli sudati scintillano tamarri sotto la canotta bianca: chi si aspettava di urlare e saltare è stato trascinato in un vortice di allusioni fino a “Regina di cuori”, E NON E’ STATO DELUSO.

  • Perché
  • Poi
  • Arriva
  • El diablo.

E qui signore e signori è leggenda pura perché il tempo non si è mai fermato e lui è l’unico dio e noi tutti ai suoi piedi – muti – mentre ci sussurra la strada da seguire. Diciamo la verità: in quanti con la sola forza del rock possono raccontare di aver messo in ginocchio migliaia di persone? E così siamo tutti di nuovo negli anni ’90: il paradiso è un’astuta bugia… ma Eutòpia è appena cominciata…

Ps: potrebbe finire così, e sarebbe stato bellissimo….ma perché privarsi dell’assolo del batterista che chiude per ricordare a tutti a cosa serve un batterista?! Bravo lui, bravi loro, e bravi pure noi, perché non dimenticare è sempre un merito.

 

Paolo Tedeschi

Redazione web 11/04/2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *