Il principe felice di Oscar Wilde illustrato – quarta e ultima parte

 photo thehoneybox1_zps503b1f42jpg_zps74bdc2cb.jpeg

Il principe felice

di Oscar Wilde

– quarta parte –

 photo principefelicen13_zpsc7841c84.jpg

Cosi il Rondinotto volò sopra la grande città, e vide i ricchi gozzovigliare nelle loro splendide dimore, mentre i poveri sedevano fuori, ai cancelli. Volò in bui vicoli, e vide i visi bianchi dei bambini affamati che fissavano con occhi assenti le strade oscure.

Sotto l’arcata di un ponte due ragazzini si stringevano l’uno all’altro cercando di riscaldarsi a vicenda.
“Che fame, abbiamo ! ” dicevano.
“Non potete dormire laggiù” gridò la guardia, e i due bambini si allontanarono sotto la pioggia.
Allora il Rondinotto tornò indietro e raccontò al Principe quello che aveva veduto.
“Sono tutto ricoperto d’oro fino” disse il Principe, “tu devi togliermelo di dosso, foglia per foglia, e darlo ai miei poveri : i vivi credono che l’oro possa renderli felici”.
Il Rondinotto piluccò via foglia dopo foglia del fine oro, finchè il Principe Felice divenne tutto opaco e grigio. Foglia per foglia del fine oro egli portò ai poveri, e le facce dei bambini si fecero più rosate, ed essi risero e giocarono giochi infantili nelle strade.
“Abbiamo pane, adesso ! ” gridavano.

 photo principefelicen14_zps15c64b45.jpg

Poi venne la neve, e dopo la neve venne il gelo. Le strade sembravano pavimentate d’argento, tanto erano lucide e scintillanti ; lunghi ghiaccioli, simili a lame di cristallo, pendevano dalle gronde delle case ; tutti giravano impellicciati e i ragazzini indossavano cappucci scarlatti e pattinavano sul ghiaccio.
Il povero piccolo Rondinotto aveva sempre più freddo, ma non voleva lasciare il Principe ; gli voleva troppo bene. Raccoglieva briciole fuor dell’uscio del fornaio quando questi aveva la schiena voltata, e cercava di scaldarsi battendo le ali.
Ma alla fine capì che era prossimo a morire. Ebbe giusto la forza di volare un’ultima volta sulla spalla del Principe.
“Addio, caro Principe” mormorò, “mi permetti che ti baci la mano? ”
“Sono contento che tu vada in Egitto, finalmente, piccolo Rondinotto” disse il Principe, “sei rimasto qui anche troppo tempo, ma tu devi baciarmi sulle labbra, perché io ti amo”.
“Non è in Egitto che io vado” disse il Rondinotto, “vado alla Casa della Morte. La Morte non è forse la sorella del Sonno ? ” E baciò il Principe Felice sulle labbra, e cadde morto ai suoi piedi.
In quel momento si udì nell’interno della statua uno strano crac, come se qualcosa si fosse rotto. Il fatto è che il cuore di piombo si era spaccato netto in due.

 photo principefelice16_zpsf1967f8d.jpg

Certo faceva un freddo cane. Il mattino seguente per tempo il Sindaco andò a passeggiare nella piazza sottostante in compagnia degli Assessori. Nel passare dinnanzi alla colonna alzò gli occhi verso la statua :
“Dio mio ! Com’è conciato il Principe Felice ! ” esclamò.
“Davvero ! Com’è conciato ! ” esclamarono gli Assessori che ripetevano sempre quel che diceva il Sindaco, e andarono tutti su per vedere meglio.
“Gli è caduto il rubino dall’elsa della spada, gli occhi non ci sono più, e la doratura è scomparsa” disse il Sindaco, “insomma, sembra poco meno che un accattone!”
“Poco meno che un accattone” ripeterono in coro gli Assessori civici.
“E qui, ai piedi della statua, c’è persino un uccello morto ! ” proseguì il Sindaco. “Dobbiamo assolutamente emanare un’ordinanza che agli uccelli non sia permesso di morire qui ! ”
E lo Scrivano Pubblico prese appunti per la stesura del decreto.
Cosi tirarono giù la statua del Principe Felice.
“Dal momento che non è più bello non è nemmeno più utile” osservò il Professore di Belle Arti dell’Università.
Quindi fusero la statua in una fornace e il Sindaco indisse un’adunanza della Corporazione per decidere quel che si doveva fare del metallo.

 photo principefelicen15_zps07f16219.jpg

“Dobbiamo costruire un’altra statua” disse, “e sarà la mia statua”.
“La mia” ripeté ciascuno degli Assessori, e litigarono. L’ultima volta che ebbi loro notizie stavano ancora litigando.
“Che cosa curiosa ! ” disse il sorvegliante degli operai della fonderia. “Questo rotto cuore di piombo non vuole fondersi nella fornace. Bisogna che lo gettiamo via”.
E lo gettarono infatti su un mucchio di spazzatura dove avevano buttato anche il Rondinotto morto.
“Portami le due cose più preziose che trovi nella città” disse Dio a uno dei Suoi Angeli ; e l’Angelo Gli portò il cuore di piombo e l’uccello morto.
“Hai scelto bene” gli disse Dio, “poichè nel mio giardino del Paradiso questo uccellino canterà in eterno, e nella mia città d’oro il Principe Felice mi loderà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *