“Il principe felice” di Oscar Wilde illustrato – prima parte

 photo thehoneybox1_zps503b1f42.jpg
Disegno arcobaleni, danzo in punta di piedi, cosa aspetti? Sali! Con la mia barca attraverseremo infiniti mari.

Ciao naufraghi! Sono Alessandra, il capitano di THE HONEY BOAT, la mia barca dai mille colori e disegni.
Con la passione fin da piccola dell’arte, studio oggi all’Accademia
Di Belle Arti di Venezia. Adoro i bambini e perciò l’illustrazione per l’infanzia.
Un piccolo stato mi è stato dedicato: THE HONEY BOX!
Ogni due settimane attraccherò qui al Corriere Vicentino per illustrarvi una storia. Cominciamo così questo percorso insieme con una favola di Oscar Wilde “Il Principe Felice”.
Buona visione!

Honey!

 

Il principe felice

di Oscar Wilde

– prima parte –

Alta sopra la città, su una lunga, esile colonna sporgeva la statua del Principe Felice. Era tutto dorato di sottili foglie d’oro fino, i suoi occhi erano due lucenti zaffiri, e un grande rubino rosso luccicava sull’elsa della sua spada.
Tutti lo ammiravano. “E’ bello come una banderuola” osservò un giorno uno degli assessori di città che ambiva farsi una reputazione d’uomo di gusto; “però è meno utile” si affrettò a soggiungere, per timore che la gente lo giudicasse privo di senso pratico, cosa che egli non era affatto.

 photo principefelicen1_zps00b22cd2.jpg

“Perché non sai comportarti come il Principe Felice?” chiese una madre piena di buon senso al suo bambino che piangeva perché voleva la luna. “Il Principe Felice non si sogna mai di piangere per nulla”.

“Sono contento che a questo mondo ci sia qualcuno veramente felice” borbottò un uomo disilluso ammirando la splendida statua.
“Assomiglia a un angelo” dissero i Trovatelli uscendo dalla cattedrale nei loro lucenti mantelli scarlatti e nei loro lindi grembiulini candidi.
“Come fate a dire questo?” osservò il professore di matematica, “se non ne avete mai veduti!”
“Oh, si, che ne abbiamo visti, nei nostri sogni!” risposero i bambini, e il professore di matematica aggrottò la fronte e fece la faccia scura, perché non trovava giusto che i bambini sognassero.

 photo principefelicen2_zps7dbb65e1.jpg

Una sera volò sulla città un Rondinotto. I suoi amici se n’erano andati in Egitto sei settimane innanzi, ma egli era rimasto indietro perché si era innamorato di una bellissima Canna. L’aveva conosciuta al principio di primavera mentre volava giù per il fiume in caccia di una grossa falena gialla, ed era stato talmente attratto dalla sua vita sottile che si era fermato a parlarle.
“Vuoi che m’innamori di te?” le aveva chiesto il Rondinotto, cui piaceva venir subito al sodo, e la Canna gli aveva fatto un profondo inchino. Così egli le volò più volte intorno, sfiorando l’acqua con le ali, e increspandola di cerchi argentei. Questa fu la sua corte, e durò tutta l’estate.

 photo principefelicen3_zpse98e4551.jpg

“Proprio un attaccamento ridicolo,” garrivano le altre Rondini, “E’ senza un soldo, ma in compenso ha un sacco di parenti,” e a dire il vero il fiume era zeppo di Canne.

Poi, non appena venne l’autunno, le Rondini volarono via tutte. Quando se ne furono andate il Rondinotto si sentì solo, e incominciò a stancarsi della sua bella.
“Non sa conversare” si disse, “e temo sia una civetta poiché seguita a frascheggiare col vento.” E infatti, ogni volta che il vento spirava, la Canna si piegava con inchini graziosissimi.
“Riconosco che sei casalinga,” prosegui il Rondinotto, “ma a me piace viaggiare e di conseguenza anche a mia moglie dovrebbero piacere i viaggi”.
“Vuoi venir via con me?” le chiese infine, ma la Canna scosse la testa, era troppo affezionata alla sua casa. “Tu mi hai preso in giro!” gridò il Rondinotto. “Me ne vado alle Piramidi. Addio!” e volò via.
Volò tutto il giorno, e a sera giunse alla città.
“Dove alloggerò?” si disse. “Spero mi abbiano preparato dei festeggiamenti.”
Ma poi notò la statua sull’alta colonna. “Andrò ad abitare lì,” esclamò. “La posizione è bellissima, e ci si deve respirare dell’ottima aria fresca.”

 photo principefelicen4_zps04e28a03.jpg

 

One Response to “Il principe felice” di Oscar Wilde illustrato – prima parte

  1. Pingback: the honey BOX | The Honey Boat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *