Tag Archives: isis

Isis, svelata l’identità del boia «Jihadi John»

683af9ee7b2dabf362819138ec047b8b-kw8F-U10402149911583bXH-700x394@LaStampa.it

Il boia dello Stato Islamico (Isis) è un londinese di origine kuwaitiana, cresciuto in una famiglia del ceto medio, conosciuto all’anti-terrorismo dal 2010 quando venne arrestato per sospetti legami con i jihadisti somali Shabaab, affiliati ad Al Qaeda. A rivelare l’identità del killer mascherato di nero che ha decapitato gli ostaggi occidentali di Isis è il “Washington Post” citando fonti di suoi amici e conoscenti britannici nonché di persone al corrente delle indagini.

Continue reading

Minacce Isis per l’Italia, gli 007 avvertono: “Mai così esposti”a

c3f7092b64681fc254d533748f630d5b-kztF-U43060646054744fAB-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

È il momento di crisi peggiore da quando i fondamentalisti dell’Isis hanno messo nel mirino l’Europa e ora in un video che mostra la decapitazione di 21 ostaggi annunciano: «Siamo a sud di Roma».

Continue reading

Isis, Obama chiede al Congresso poteri di guerra

nbc_obama_isis_140613

Il presidente Barack Obama ha inviato al Congresso una proposta per chiedere l’autorizzazione all’uso della forza militare contro lo Stato Islamico, che rappresenta «una grave minaccia». Stando a quanto riporta l’Ap, in possesso del documento ufficiale, la richiesta dovrebbe avere una durata di tre anni.

Continue reading

Isis contro twitter, minacce di morte a dipendenti e capi

ISIS_Twitter_2
Le minacce di morte da parte dell’Isis arrivano fino a Twitter e ai suoi dipendenti. Lo ha rivelato l’amministratore delegato, Dick Costolo: lo Stato islamico non ha gradito che gli account che usa per comunicare le sue notizie vengano regolarmente chiusi dal colosso di microblogging.

Continue reading

#NotInMyName: la campagna social dei musulmani moderati

175452472-288c2b85-bd61-4d06-bd46-4af5b3dbeb0e

Dopo il venerdì di preghiera in strada a Berlino per protestare contro la violenza dell’Isis e dissuadere i giovani dal partire per combattere tra le file dei radicali, la protesta si sposta sui social network con l’ hashtag: #NotInMyName, (“non nel mio nome”). L’iniziativa è stata lanciata da un gruppo di musulmani britannici dell’Active Change Foundation e si sta rapidamente diffondendo sul web.

Continue reading