Montecchio Maggiore: incontro con lo scopritore del primo dinosauro italiano

primo dinosauro italiano

Il suo nome scientifico è Scipionix samniticus, ma è conosciuto come “Ciro” il primo dinosauro italiano, il meglio conservato visto che ha preservati in eccezionale stato parti molli del corpo e organi interni.

L’olotipo, cioè l’unico resto fossile conosciuto di questo genere, è stato rinvenuto nel 1980 a Pietraroja (Benevento) da Giovanni Todesco di S. Giovanni Ilarione e dalla moglie, che credendolo una semplice lucertola lo conservarono in casa loro per anni. In realtà si trattava di un cucciolo di dinosauro sfuggito probabilmente ai genitori e annegato nell’antico mare beneventano. Ventitré centimetri di lunghezza (uno dei più piccoli al mondo!), con ossa in perfetta connessione, veloce predatore parente del Tirannosauro e del Velociraptor, ha un’età di circa 110 milioni di anni (Cretaceo inferiore). Mostra occhi enormi, denti con la prima ondata di sostituzione non ancora avvenuta e artigli a tre dita. Quello che rende Scipionix assolutamente fuori dal comune è però la sua straordinartia conservazione dell’intestino, dei muscoli, dei tendini e del fegato. Ma non solo…

Sabato 1° ottobre alle ore 17.00 in Sala Civica Corte delle Filande, dopo una breve presentazione del fossile da parte del geologo Claudio Beschin, Giovanni Todesco sarà a disposizione per domande, foto, interviste. L’incontro pubblico si accompagna anche alla presentazione di un suo libro, dal titolo “Due figli e un dinosauro”.

L’incontro, organizzato dall’Associazione Amici del Museo Zannato, gode del patrocinio della Città di Montecchio Maggiore.

Ingresso Libero.

 

 

 

 

Comune di Montecchio Maggiore

Redazione web 29/09/2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *