Per il terzo anno consecutivo Brendola adotta i parametri della norma internazionale UNI EN ISO 14001

ambiente

Il Comune di Brendola ha da tempo avviato l’implementazione di un Sistema di Gestione Ambientale, per uno sviluppo sempre più sostenibile del proprio territorio. In questa direzione, da tre anni l’ente ha scelto di adeguarsi allo standard internazionale UNI EN ISO 14001, un protocollo volontario attraverso cui misurare le proprie performance ambientali e mettere in atto azioni di miglioramento, oltre che di formazione e informazioni per dipendenti e cittadini.

Nel rispetto di tale norma è stata quindi adottata una serie di strumenti attraverso cui documentare, attuare e mantenere operativa la gestione degli aspetti ambientali e dei relativi impatti. Il sistema di gestione ambientale è di fondamentale importanza nell’ottica di un approccio preventivo ai problemi di inquinamento futuro, coordinato con il lavoro degli altri enti del territorio nel massimo rispetto delle leggi in materia. La raccolta di informazioni e di dati riportate nel rapporto ambientale (pubblicate nel sito del Comune) rappresentano una base per pianificare progetti e prassi operative per migliorare per esempio la gestione dei rifiuti e per promuovere campagne di sensibilizzazione su tematiche ambientali, coinvolgendo direttamente la cittadinanza e il personale municipale.

Si riportano di seguito alcuni dati ambientali:

Consumo idrico

A fronte di una popolazione residente rimasta pressochè invariata negli ultimi 5 anni – dal 2010 gli abitanti hanno superato stabilmente le 6700 unità – sono mediamente in calo i consumi di risorse idriche, segno di un lavoro di sensibilizzazione e diminuzione degli sprechi che sta dando i frutti sperati. Grazie soprattutto alle azioni intraprese per monitorare e riparare perdite e rotture, il consumo idrico negli edifici pubblici è sceso negli ultimi due anni del 30%, percentuale che raggiunge quasi il 65% se si considerano i soli istituti scolastici. Nel territorio i consumi d’acqua da acquedotto (uso agricolo, domestico, produttivo) registrano a loro volta un lieve ma costante calo, che si attesta al 14% rispetto a due anni fa. I metri cubi annui utilizzati mediamente per utenza domestica sono così scesi da 52,7 a 49,04.

Consumo energetico

Nel 2013 l’Amministrazione ha portato a termine il percorso per ottenere la certificazione energetica di tutti gli edifici comunali. Per quanto riguarda l’illuminazione pubblica, già nel 2010 sono state disposte la sostituzione delle lampade a mercurio con lampade SAP (ad alta pressione di sodio, a minore dispendio energetico) e l’installazione di timer per la gestione di accensione e spegnimento in funzione dell’orario. Attraverso queste prescrizioni e con l’approvazione nel 2013 del Piano dell’illuminazione per il contenimento dell’inquinamento luminoso (PICIL), si può oggi rilevare un abbassamento dei consumi costante dal 2008, in grado di assorbire anche l’incremento duvuto all’aumentato numero di strutture a carico del Comune (con l’inaugurazione di sala polivalente e palazzetto dello sport).

Consumo di metano e carburanti

Nell’ultimo anno, complice anche un inverno con temperature più miti, il consumo di metano per il riscaldamento di edifici pubblici è sceso del 15%. In calo anche il consumo di carburanti, utilizzati per le 8 vetture comunali e per l’alimentazione dei taglia erba: la riduzione in questo caso è di circa il 50% negli ultimi due anni.

Rifiuti

Nel 2014 la percentuale di raccolta differenziata ha raggiunto il 68%, dato che certifica una rilevante crescita rispetto ai tre anni precedenti. Nel triennio 2012-2014 la stessa percentuale è sempre stata superiore al 62%: uno degli obiettivi futuri dell’Amministrazione è comunque quello di migliorare ulteriormente la performance, in linea con l’obiettivo del 70% fissato dalla Regione Veneto entro i prossimi anni. In quest’ottica, il Comune ha aumentato notevolmente la percentuale di carta riciclicata acquistata, arrivata negli ultimi anni al 96% del totale consumato dall’ente municipale.

Amianto

Nel 2013 l’Amministrazione ha condotto un censimento delle strutture di proprietà comunale per individuare l’eventuale presenza di amianto: tale indagine ha dato esito negativo. Quanto alle abitazioni private, si segnala che è stata rinnovata la convenzione con Elite Ambiente S.r.l. per l’effettuazione del servizio di rimozione e smaltimento di rifiuti e di piccoli quantitativi contenenti amianto.

Elettromagnetismo

Il Comune di Brendola tiene costantemente sotto monitoraggio, tramite specifiche analisi effettuate da professionisti, il campo elettromagnetico generato dalle stazioni radio base della telefonia cellulare. Durante tutto il periodo di monitoraggio dell’ultima analisi (giugno-settembre 2015) il campo elettromagnetico registrato è sempre stato inferiore sia ai valori di esposizione (20 V/m) che ai valori di attenzione (6 V/m) previsti dalla legge. Il valore massimo (se si esclude quello dovuto a fenomeni atmosferici) rilevato nelle due campagne di monitoraggio è stato pari a 0,69 V/m.

“La qualità del nostro ambiente – aggiunge l’assessore all’Ambiente Barbara Tamiozzo – coincide inevitabilmente con la qualità della nostra vita. Per questo le amministrazioni hanno una doppia responsabilità: pianificare azioni congiunte per tutelare il nostro territorio e dare il buon esempio nelle strutture di competenza. Gli equilibri ambientali sono così fragili e ogni piccola azione è fondamentale per aiutare a preservare le nostre meravigliose ricchezze”

La norma ISO 4001

La ISO 4001 è una norma internazionale di carattere volontario, applicabile a tutte le tipologie di organizzazioni, pubbliche e private, per lo sviluppo di un efficace Sistema di Gestione Ambientale certificabile. Tale sviluppo consente di gestire in modo sistemico gli aspetti ambientali perseguendo la strada di una crescente efficienza delle performance, e permettendo l’uso consapevole delle risorse, la razionalizzazione delle materie prime, e la riduzione dei rifiuti. Tutto ciò si accompagna alla continua sorveglianza degli adempimenti legislativi in materia ambientale.

 

 

 

 

Comune di Brendola

Redazione web 22-12-2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *