Peter Pan non ti sopporto

3

Allora, i miei genitori – come ogni genitore con un figlio nato tra il 1940 e il 1999 – hanno pensato bene di crescere il proprio figlio con i cartoni animati per farlo addormentare o più concretamente perché non rompesse troppo i genitali maschili. Se parlo di cartoni animati, qualsiasi essere vivente e non ricorderà quella sigla ma soprattutto quel castello su sfondo azzurro… Personalmente, a casa nostra, quel castello compariva sullo schermo della tv in salotto almeno 10/15 volte al giorno, fino ai picchi del fine settimana di 20 visioni quotidiane.

Ricordo ancora la prima cassetta originale che ho ricevuto nel Natale del ’95 e penso che la cassetta si ricordi ancora di me per tutte le lacrime che c’ho versato sopra. Era il Re Leone.
In ordine di pianti però la classifica era questa: Pinocchio, il Re Leone, Aladdin e Biancaneve e i sette nani.

Tra tutti i cartoni però uno solo è stato per un paio di anni in cima alla mia classifica: Peter Pan. La favola di Peter Pan di J. M. Barrie penso che qualsiasi persona la conosca, questo bambino che non vuole crescere, che vive nell’isola che non c’è e bla bla bla.

Anche se non guardo il film da ben 16 anni, rivedo questa favola ogni giorno aprendo la finestra. Vedo la gente che non vuole invecchiare. Cinquantenni e sessantenni ridicoli che pensano di avere vent’anni, donne truccate come clown e uomini che fanno le 4 del mattino con figli di 18 a letto dalle 22.
Quando vado a negozi, il mio vicino di camerino è, il più delle volte, una persona con l’età di mio papà che sta provando la mia stessa camicia e il fatto che mi preoccupa di più è che penso di essere io quello fuori.

Queste persone dovrebbero vergognarsi, non di dimostrare la loro età ma di agghindarsi in quel modo ridicolo. Non capisco, sarà che ho 24 anni e quindi ancora troppo piccolo e infantile ma penso che una persona dovrebbe essere fiera di avere un passato. Quindi cari e vecchi lettori non perseverate nel mostrarvi come dipendenti di Moira Orfei. Siete più belli con i capelli bianchi che con la tinta sbagliata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *