Sovizzo: giovani talenti della musica classica in concerto

Giovani talenti

Giovani stelle della musica classica sul palco per lo spettacolo conclusivo del concorso musicale Giovani talenti 2017 Sovizzo.

Giovani eccellenze della musica classica in concerto per la serata finale del concorso musicale classico Giovani Talenti 2017 – Sovizzo, evento ideato dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Sovizzo e organizzato dal Centro Promozione Musica Sovizzo in collaborazione con le scuole di musica Accademia Musicale Butterfly dell’associazione Insiemeinmusica e Centro Artistico Musicale Apolloni dello spazio CUCA. Il concerto è in programma: DOMENICA 23 APRILE 2017 dalle ore 18.00 presso la Sala Conferenze del Municipio di Sovizzo.

Una serata di eccellenza musicale quella che andrà in scena domenica sera, con i giovani vincitori del concorso che divideranno il palco con alcune giovani stelle del panorama musicale. Dopo le performance dei vincitori delle varie categorie del concorso musicale, che ha coinvolto ragazzi dai 9 ai 20 anni provenienti da ogni parte d’Italia e alcuni anche dall’estero, la scena sarà tutta per l’esibizione di due giovani promesse della musica classica, dal curriculum però già importante.

Davide Scarabottolo, pianista padovano classe 2001, ha iniziato lo studio del pianoforte a sei anni con Giacomo Dalla Libera e, a nove, presso il Conservatorio “Pollini” di Padova con Massimo De Ascaniis. Tra il 2014 e il 2015 ha vinto in tre importanti concorsi musicali internazionali, il Città di Treviso, il Premio CIttà di Padova e il Concorso “Antonio Salieri” di Legnago. Ha frequentato prestigiose masterclass con artisti del calibro di Joana Stanescu, Konstantin e Svetlana Bogino, Vladimir Ogarkov, Olaf Laneri, Marian Mika e Stanislav Pochekin, Lilya Zilberstein, con Boris Petrushansky e con Leonid Margarius presso l’Accademia Pianistica di Imola. Eseguirà i brani:

-Beethoven: opera 13 “Patetica”

-Chopin: Studio opera 10 n. 8

-Schumann: Toccata op. 7

-Chopin: Studio opera 10 n. 4

Giacomo Sbalchiero, clarinettista vicentino, studia al Liceo musicale “A. Pigafetta” dove frequenta l’ultimo anno sotto la guida del prof. Antonio Graziani, dove ha conseguito brillantemente tutte le Certificazioni di Livello  preaccademico. Ha frequentato i corsi estivi dei maestri Stefano Conzatti e Calogero Palermo, e suonando con l’Orchestra di fiati OFPV ha seguito due master classes  con il solista Milan Rericha. Premiato in vari concorsi di esecuzione musicale, si è distinto lo scorso anno al Premio Migliori Allievi organizzato dal Conservatorio “A. Pedrollo” ottenendo il terzo posto nella categoria Solisti, ed il primo premio di categoria al Concorso Nazionale “Scuole in Musica” di Verona. Si esibirà con i brani Andante con Moto e Rondò opera 73 di Carl Maria von Weber.

La stessa commissione giudicante del concorso musicale è formata da artisti di spicco nel panorama della musica classica:

Giovanni Agazzi, violinista veneziano, si forma alla scuola di Marius Cristescu per iscriversi poi al Conservatorio di Musica Benedetto Marcello di Venezia, sua città natale, nella classe di violino di Paolo De Rossi diplomandosi nel 2007, a soli diciotto anni, con il massimo dei voti e lode (lode che non era attribuita in violino a Venezia dal 1983). Premiato nei concorsi internazionali “G.Campochiaro” di Catania (1° premio) e “Rovere d’oro” di S. Bartolomeo al Mare (2° premio), si è altresì distinto al concorso Riviera della Versilia “D. Ridolfi” vincendo il premio “A. Benedetti” come migliore esecutore per violino solo, come vincitore del concorso di Fusignano “Dino Caravita” unito al premio Arcangelo Corelli in qualità di miglior violinista e come vincitore assoluto del concorso “Nuovi orizzonti” di Arezzo. Ha partecipato a diverse masterclass tenute in Belgio dal violinista Marco Rizzi, a Gubbio da Sonig Tchakerian,a Ferrara da Marco Fornaciari, all’Accademia Chigiana con Salvatore Accardo e Massimo Quarta. Nel 2007 ha sostenuto l’esame di ammissione presso la Fondazione Stauffer di Cremona diretta da Salvatore Accardo risultando l’unico italiano dei nove violinisti selezionati per accedere alla prestigiosa Accademia violinistica che frequenta tutt’ora. Numerosi sono già al suo attivo i concerti in Italia (Venezia, Padova, Catania, Siena, Imperia, Torino…) e all’estero, tra i quali merita citare il successo della prima esecuzione assoluta della sonata per violino e pianoforte di Wiaroslaw Sandelewski all’Accademia Chopin di Varsavia.

Marisa Dalla Vacchia, pianista, è titolare della classe di pianoforte presso la S. M. S. “Jacopo Vittorelli” di Bassano del Grappa ad Indirizzo Musicale. Dopo il diploma conseguito al Conservatorio “A. Pedrollo” di Vicenza si è perfezionata al Mozarteum di Salisburgo, all’Accademia  di Assisi e all’Università di Santiago de Compostela. Svolge un’intensa attività concertistica sia in formazioni cameristiche che come maestro accompagnatore, collabora inoltre con numerosi artisti e formazioni corali con le quali ha realizzato importanti tournee in tutta Europa, Stati Uniti, Canada, Giappone e Australia.

Antonio Graziani, clarinettista vicentino classe 1964, ha iniziato gli studi al Conservatorio della città con Umberto Toso,1° clarinetto del Teatro la Fenice di Venezia, portandoli poi a termine con Ezio Gavasso, clarinetto basso all’Arena di Verona. Vincitore di audizioni e concorsi ha anche suonato con le Orchestre dell’Arena di Verona e del Teatro La Fenice di Venezia, i Filarmonici di Torino, ed il Teatro alla Scala di Milano. Ha partecipato all’esecuzione delle musiche per il balletto “I Milioni di Arlecchino” di Riccardo Drigo, in cui è stato invitato come clarinetto basso con i Solisti Veneti diretti per l’occasione dal compianto Lucio Dalla. In duo con la moglie, la pianista Stefania Zanesco, ha ricevuto numerosi riconoscimenti in concorsi nazionali ed internazionali, fra cui il Primo Premio al Concorso Nazionale di Genova ed il Primo Premio Assoluto della categoria Duo al V Concorso Musicale Europeo di Moncalieri.

Emanuele Pasqualin, direttore d’orchestra e compositore, è membro del Consiglio Accademico del Conservatorio “Pollini” di Padova. Diplomato presso il Conservatorio di Padova in Musica Corale e Direzione di Coro con Ferdinando Della Ragione e in Composizione con Wolfango Dalla Vecchia, ha studiato Direzione d’orchestra con Alceo Galliera ed ha conseguito il Diploma ai Corsi Triennali dell’Accademia Musicale Pescarese con Donato Renzetti. Si è perfezionato a Stoccolma ed Helsinki con Jorma Panula. Come Maestro Assistente, ha lavorato in Spagna (Orquesta de Euskadi, Asturias Symphony Orchestra) e in Italia (Orchestra del Teatro Filarmonico di Verona). Ha fatto il suo debutto operistico con Adriana Lecouvreur (Palma de Mallorca) ed ha tenuto concerti e recitals lirici dirigendo l’Orchestra Filarmonica di Timisoara, l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Tallinn,  l’Orchestra di Stato di Estonia, la Swedish Chamber Orchestra, la Tallinn Wind Orchestra. Vincitore del Concorso Ministeriale per titoli ed esami, è stato per 10 anni titolare di cattedra al Conservatorio “Arrigo Pedrollo” di Vicenza. Si dedica da tempo alla formazione e alla direzione di orchestre giovanili professionali: Orchestra “Pietro d’Abano” (1992-2000), Ottoni di Vicenza (2004-2008), Elkom Ensemble (dal 2009) ed è Professore invitato della Georg Ots High School of Music di Tallinn (Estonia), dell’Edward Said National Conservatory of Music of Ramallah e del Magnificat Institute of Music – Custodia Francescana di Terrasanta (Gerusalemme). In campo musicologico ha ricostruito alcuni melodrammi dell’Ottocento, sui manoscritti autografi, rappresentati al  Festival della Valle d’Itria di Martina Franca, al Teatro Bellini di Catania e al Pompei Festival 2015: Caritea regina di Spagna di Saverio Mercadante (performing edition, 1995), L’ultimo giorno di Pompei di Giovanni Pacini (edizione critica provvisoria, 1996), Robert Bruce di Rossini/Niedermeyer (edizione critica, 2002).

 

 

Comune di Sovizzo

Redazione web 19/04/2017

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui