No all’omofobia: in 400 abbracciano la Basilica palladiana

0
5

1305652068219bandiera_gay_pride

Un abbraccio collettivo intorno alla Basilica Palladiana per dire «no» all’omofobia. La proposta lanciata dal coordinamento delle associazioni Lgbt cittadine nella giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, che cade il 17 maggio, ha ottenuto il consenso della piazza.

Nel cuore del centro storico di Vicenza nel pomeriggio si sono ritrovate più di 400 persone che, unendo le braccia in una sorta di maxi catena umana, sono riuscite a circondare il monumento palladiano, simbolo della città. Volantinaggio, passaparola e condivisioni via social network hanno attirato in piazza dei Signori e in piazza delle Erbe tantissimi ragazzi, ma anche famiglie e persone di mezza età al grido di «Cari omofobi, curatevi voi».

«È stato un successo – è il primo commento di Mattia Stella, presidente di Arcigay Vicenza – oltre le aspettative. Vicenza non è omofoba, anzi, è una città che quando ne ha la possibilità si esprime volentieri». Dopo l’abbraccio collettivo è scoppiato un lungo applauso e poi tutti a ballare in piazza delle Erbe, per l’occasione colorata da bandiere arcobaleno. E non è la prima volta che Vicenza si scopre gay friendly. Quasi un anno fa infatti fu invasa da un mare di circa seimila persone che hanno sfilato nel “gay pride” regionale.

 

 

 

 

 

 

Corriere del Veneto.it

Redazione web 19-05-2014

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here