Anziani truffati: stavolta succede ad Arcugnano e a Noventa

url-1

Continuano i casi di truffe ai danni di anziani. Dopo i casi di Grisignano di Zocco e Longare, stavolta è toccato ad un pensionato 77enne di Arcugnano e ad un 90enne di Noventa.

Il pensionato di Arcugnano è andato ieri sera alla Stazione dei Carabineri di Brendola per denunciare quanto gli è accaduto mercoledì scorso.

L’anziano signore ha raccontato che il 10 luglio, verso le 11 di mattina, un’uomo in uniforme ha bussato alla sua porta, presentandosi come un agente della Polizia Locale. Con il pretesto di controllare se le banconote fossero vere o false è riuscito a farsi consegnare 1.000 euro, la somma ritirata qualche giorno prima dal pensionato presso l’ufficio postale.

Il truffatore si è quindi allontanato con le banconote in mano, spiegando all’anziano signore che doveva ritirarle in quanto false.

L’uomo è sparito a bordo di un’auto grigia. I Carabinieri stanno indagando.

 

Altra truffa a Noventa Vicentina, denunciata ai Carabineri da un pensionato 90enne.

L’uomo ha raccontato ai militari di aver ricevuto una visita da parte di due persone, un uomo di 50 anni e una signora di 35-40 anni, entrambi con forte cadenza veneta.

I due si sono presentati come funzionari dell’Inps con l’incarico di verificare il libretto della pensione. Quindi, finchè l’uomo distraeva il pensionato, la donna è andata in camera da letto dove ha trovato – e preso – 460 euro in contanti e gioielli d’oro per un valore di 2.000 euro.

I due sono scappati con un’auto bianca. I Carabinieri stanno indagando.
Si ricorda che il 10 giugno a Grisignano di Zocco due donne hanno truffato e derubato un’anziana signora con una figlia disabile.

E il 6 febbraio scorso, a Longare, un ragazzo ha ingannato una 76enne fingendo di dover controllare che l’acqua fosse potabile. Con questo trucco è riuscito a rubarle 600 euro in contanti e gioielli d’oro per un valore di circa 1900 euro.

 

I Carabinieri cercano dettagli utili alle investigazioni da parte di chiunque abbia potuto vedere i soggetti indicati o le loro auto.

 

 

 

 

 

Redazione web 12-07-2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *