Arzignano: il Sindaco chiude le piscine

0
4

La sera di venerdì 6 marzo l’ULSS ha comunicato che alcuni valori analizzati nelle tre diverse piscine, non rispettavano i limiti di legge, e di conseguenza ULSS ha dichiarato la NON IDONEITÀ ALLA BALNEAZIONE.

Il Sindaco Alessia Bevilacqua, appena ricevuta la comunicazione ULSS, ha provveduto immediatamente a firmare l’ORDINANZA DI IMMEDIATA SOSPENSIONE DELLA BALNEAZIONE. In contemporanea il Sindaco ha inviato la Polizia Locale per notificare e verificare le procedure di chiusura.

Si specifica che le piscine potranno essere riaperte solamente dopo nuove analisi e relativo parere favorevole dell’Ufficio Sanità ed Igiene Pubblica dell’ULSS.

In merito alla “Questione Piscine”, il Sindaco Alessia Bevilacqua dichiara: “Ringrazio gli specialisti della ULSS per l’importante e continuo lavoro di monitoraggio svolto. Le problematiche riscontrate nelle piscine, mi impongono di valutare tutte le azioni necessarie per tutelare la salute dei cittadini che usufruiscono delle Piscine gestite da GIS. Da diversi mesi, da quando sono sindaco, ho attivato un piano di monitoraggi e controlli, chiedendo l’attenzione anche dell’Ulss, per valutare la reale situazione delle Piscine. Situazione, che non nascondo, presenta diverse criticità, tant’è che già un mese fa, in data 6 febbraio ho fatto notificare a GIS, penali contrattuali per un importo di 16.078,08 Euro. Nello specifico, in riferimento all’art.19 della Convenzione in vigore, è stata chiesta l’escussione della cauzione definitiva prestata ai sensi dell’art.24.2 della Convenzione in vigore per le seguenti inadempienze:

1- clorazione delle acque con valori non rispondenti ai limiti fissati dalla tabella A dell’Accordo Stato-Regioni del 16/01/2003;
2- stato di degrado dei locali docce degli spogliatoi maschili e femminili della piscina.  

Concludo dicendo che tutta la “Questione Piscine” è sotto la mia diretta e massima attenzione. Ripeto, la situazione Piscine deve migliorare e sono pronta a qualsiasi azione si rendesse necessaria. Me lo chiedono i cittadini, ed ieri me lo ha segnalato anche l’ufficio Igiene Sanità Pubblica dell’ULSS.”

Redazione web
09/03/2020

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here