Brendola: loschi individui in zona industriale

arnesi da scasso
Gli oggetti trovati nel bagagliaio dell’auto

Ieri sera, verso le 22:50, una pattuglia dei Carabinieri di Altavilla Vicentina, su segnalazione di un cittadino, è intervenuta in località Vo’ a Brendola.

Un cittadino aveva infatti chiamato il 112, segnalando due individui sospetti in via Palladio, vicino alla zona industriale. I due hanno tentato di nascondersi nei campi, quando si sono accorti di essere osservati dall’uomo che ha chiamato i Carabinieri.

Un pattuglia è quindi giunta sul posto, dove ha intercettato un’Audi A8 nera con targa tedesca, che fuggiva in direzione di Montecchio Maggiore.

I militari hanno fermato la vettura. A bordo c’era solo il conducente, un kosovaro 49enne residente in Germania, incensurato e in possesso di permesso di soggiorno tedesco, valido quindi in tutt’Europa.

I Carabinieri hanno poi perquisito l’auto: nel bagagliaio hanno trovato una pinza, una torcia, un paio di guanti da giardiniere e un rotolo di sacchetti in cellophane.

Il kosovaro non ha fornito spiegazioni sul materiale trovato dai militari.

Poco dopo, tornando in località Vo’, nella zona dove erano stati notati i due individui, i Carabinieri hanno trovato 2 cacciaviti di cm 30 di lunghezza, un piede di porco in ferro di cm 50 di lunghezza, un piccone, una mazza da muratore, un’ascia cm 110 di lunghezza, un’accetta della lunghezza di cm 40, 2 radio trasmittenti, 2 telefoni cellulari e 3 sacchi da spazzatura contenenti 3 paia di scarpe da uomo, verosimilmente di ricambio.

 

Dei due individui, invece, nessuna traccia.

Il conducente dell’auto è stato deferito in stato di stato di libertà per porto abusivo di oggetti atti ad offendere, i quali verosimilmente dovevano essere utilizzati per entrare in una vicina azienda o abitazione.

A suo carico sarà avanzata proposta di foglio di via obbligatorio dal Comune di Brendola.

Il materiale rinvenuto è stato posto sotto sequestro, e l’autorità giudiziaria informata per i provvedimenti di competenza.

 

 

 

 

 

 

Redazione web 09-07-2013

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui