Brendola: riqualificazione e riorganizzazione delle scuole a tempo di record

dscf1929

È stata un’estate di vera e propria rivoluzione per le scuole di Brendola, tra opere di riqualificazione messe in cantiere dall’Amministrazione, e la riorganizzazione del servizio complessivo come garanzia della continuità operativa dell’asilo S.S. Angeli. Ritmi serrati, nonostante l’impellente mole di lavoro in un periodo notoriamente impegnativo come quello delle vacanze, hanno consentito ad amministratori, tecnici e addetti ai lavori di tirare un sospiro di sollievo: l’avvio delle attività scolastiche non subirà ritardi, ma avverrà regolarmente il prossimo 15 settembre.

L’opera più significativa portata a termine nei tempi previsti è certamente il pacchetto sicurezza per le scuole “Boscardin”, un progetto di complessivi 430mila euro indispensabile per l’ottenimento di adeguamento sismico e Certificato Protezione Incendi. Nel dettaglio si è provveduto alla realizzazione di setti in cemento armato (con ritocco agli impianti elettrico e idraulico in corrispondenza degli stessi), cioè pareti a elevata massa in grado di contrastare le forze sismiche orizzontali; a ciò si sono aggiunti la posa di controsoffitti antisfondellamento e il rifacimento di due scale di sicurezza.

Chiuso con successo anche l’intervento per la sostituzione delle guaine di protezione dell’istituto “Galilei”, a scanso di rischi infiltrazione e a vent’anni esatti dall’ultimo intervento di manutenzione. Gli operai hanno dapprima rimosso e sostituito lo strato protettivo di palestra e aula magna, e poi hanno proseguito con la mappatura e sistemazione di tutti gli altri possibili punti critici nella guaina esistente. Dove necessario è stata quindi posata la sostitutiva guaina ardesiata soprastante, così da prevenire in via definitiva ulteriori criticità. In aggiunta è stato condotto il risanamento dei copriferri, ovvero le protezioni angolari poste a contenimento delle parte aggettanti all’esterno dell’edificio, così da impedirne cadute parziali o spaccature tipiche degli effetti combinati di tempo e avversità meteorologiche. Con l’occasione si è pensato poi ad un generale controllo di dispositivi di sfiato e scarico, con installazione di 9 nuovi e più funzionali maniglioni antipanico. L’importo investito è stato di oltre 60mila euro.

L’operazione tecnicamente più complessa ha invece riguardato il piano di spostamento classi tra istituti, al fine di dare garanzia di continuità all’asilo “S.S. Angeli custodi”. Il servizio, di importanza vitale per la cittadinanza, non poteva più essere garantito all’interno della storica sede di Villa Piovene, inidonea dal punto di vista tecnico (come confermato dalle indagini condotte necessariamente nel corso dell’estate, a edificio vuoto) e fuori portata a livello economico quanto a progetti di ristrutturazione e messa a norma. Bocciata l’idea di proseguire con l’attività scolastica all’interno di container, è stata studiata la soluzione in grado di coniugare maggiore sostenibilità economica a minori disagi per genitori e alunni.

Il piano prevede:
– lo spostamento dei bambini dalla “S.S. Angeli” alla “Giustiniani” di Vo’
– il trasferimento delle classi dalla prima alla quarta della primaria “Giustiniani” all’interno degli spazi della “Boscardin”
– il trasferimento di tutte le classi quinte all’interno degli spazi della “Galilei”

A fianco delle manovre di spostamento – che avvicina i bambini della S.S. Angeli all’asilo “Cav. Rossi”, creando a Vo’ un piccolo polo “prima infanzia” – si è inserito un intervento di 55mila euro, già concluso, per il rifacimento dei bagnetti alla “Giustiniani”, con caratteristiche più idonee ai nuovi ospiti.

Nei progetti dell’Amministrazione tali passaggi, funzionali da un punto di vista emergenziale per preservare senza ritardi il calendario delle attività didattiche, si inseriscono in un piano di riqualificazioni più articolato, e che sarà sviluppato con maggiore calma a partire dal via all’anno scolastico. Già in bilancio un fondo per la ristrutturazione del plesso di Vo’, e il progetto per l’ampliamento della “Boscardin”, così da riportare tutti le classi della primaria nella medesima sede, che sarà dotata di ulteriori aule, laboratori e mensa.
“Da parte mia non posso che esprimere soddisfazione – aggiunge l’Assessore all’Istruzione Barbara Tamiozzo – per quanto siamo riusciti a fare nonostante il poco tempo a disposizione. Un grazie ai dipendenti dell’ufficio tecnico del Comune che hanno lavorato per rispettare la tabella di marcia, e anche all’azienda ELECTRIS SRL di Cervignano del Friuli, che ha capito le nostre esigenze e l’urgenza con cui abbiamo affrontato assieme l’emergenza”.

 

Comune di Brendola

Redazione web 11-09-2014

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui