Carpe diem, trote day: giornata di semina nei corsi d’acqua locali

Continua l’attività di ripopolamento dei fiumi e dei corsi d’acqua regionali coordinata da Veneto Agricoltura. In giornata sono stati immessi nelle acque del Bacino dell’Agno-Chiampo oltre 89 mila piccoli esemplari di trota fario.

L’INTERVENTO. L’intervento rientra nell’ambito degli obblighi ittiogenici 2021 effettuati dall’agenzia regionale per conto dei concessionari di derivazione di acque pubbliche. I corpi idrici interessati dalle operazioni di ripopolamento sul territorio sono molteplici: dal torrente Chiampo nell’omonima località al Cobiolo e al Righello di Altissimo, passando per i corsi d’acqua di San Pietro Mussolino, Crespadoro e Campodalbero. Le semine sono state effettuate in collaborazione con le Guardie venatorie della Provincia di Vicenza e quelle volontarie dell’associazione Bacino Agno Chiampo.

IL PROGETTO. L’obiettivo del progetto è preservare e tutelare il patrimonio ittico presente nelle acque di questi bacini. Nel dettaglio, gli avannotti liberati oggi sono lunghi dai 4 ai 6 cm e gradualmente contribuiranno a ripopolare i corsi d’acqua locali. L’ultimo intervento risale a un paio di settimane fa, quando altri 106.000 esemplari di trota fario di 4/6 cm sono stati immessi nel Bacino Astico-Leogra. Domani tocca alla provincia di Padova, con la semina di 60 mila esemplari di trota farlo sterili, mentre venerdì nel Rodigino entreranno “in servizio” 11 mila ragani di anguilla europea.

Redazione web
29/06/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui