Continua la tempesta perfetta: 5 morti, case crollate, voli sospesi, porti chiusi, 350mila case senza luce

 photo -1_zps83ec5dd5.jpeg

Trasporti in tilt ovunque, tra Francia e Inghilterra, per la«tempesta del secolo»
Tre vittime nel Regno Unito, due in Olanda, tra cui una ragazza di 17 anni, un ragazzo di 14 e un cinquantenne morti. Caos nei trasporti e quasi 350 mila case senza elettricità: è questo il bilancio provvisorio, in Gran Bretagna meridionale e Francia settentrionale, dove si sta abbattendo una delle peggiori tempeste degli ultimi anni.

È San Giuda, come l’hanno ribattezzata i media locali, in onore al Santo patrono delle cause perse ricordato proprio il 28 di ottobre. Ma la tempesta si  sta progressivamente estendendo anche all’Olanda, dove si segnalano due vittime. Una donna è morta ad Amsterdam, dopo che un albero le è caduto addosso. Successivamente alla periferia della stessa città ha perso la vita, in circostanze analoghe, un uomo, sulla cui auto si è abbattuto un enorme tronco.

L’aeroporto londinese di Heathrow ha cancellato circa 130 voli ma si prevedono anche interruzione nei trasporti ferroviari oltreché ponti e strade chiuse. Chiusi anche i porti nella Manica, dove tra l’altro sono in balia delle onde due traghetti che attendono i soccorsi.

Il Met Office, l’agenzia meteorologica nazionale in Gran Bretagna ha avvertito fin da domenica del rischio di caduta di alberi con possibili danni agli edifici e interruzioni di elettricità. Che si sono puntualmente verificate. Almeno 270 mila le case rimaste senza luce elettrica in Inghilterra, mentre in Francia -dove sono in allerta sette dipartimenti, in pratica tutti quelli nel nord-ovest- 75 mila abitazioni sono rimaste senza luce elettrica. Due reattori nucleari da 550 megawatt della centrale di Dungeness sono stati disattivati per precauzione dopo che era stata interrotta l’alimentazione elettrica e non produrranno più energia per una settimana, ha reso noto la Edf.

 photo -3_zpsf2d4cf05.jpeg

L’allerta color ambra, la terza più alta su una scala di quattro, riguarda milioni di persone che sono state invitate a restare in casa e a guardarsi dalla possibilità di allagamenti, blackout e cadute di alberi. Secondo gli esperti la tempesta è comparabile a quella che si era abbattuta sulla Gran Bretagna nell’ottobre 2002 se non addirittura al «Great Storm» dell’ottobre 1987 che causò 18 morti in Gran Bretagna e altri quattro in Francia.

Anche l’Istituto meteorologico della Svezia ha emesso un’allerta di classe 3 in relazione alla tempesta soprannominata San Giuda segnalando un «grave pericolo per il pubblico». L’allerta riguarda le coste ovest e sud della Svezia, dove la tempesta dovrebbe arrivare in serata.

Sulle conseguenze della tempesta è intervenuto anche il premier del regno Unito David Cameron che con vero e proprio understatement britannico ha dichiarato: «È davvero deplorevole perdere la vita a causa della tempesta San Giuda. Dobbiamo assicurare che i servizi di emergenza possano agire il più velocemente possibile per aiutare le persone».

 photo -4_zpsda1aa6ec.jpeg

 

 

 

Corriere della Sera.it

Redazione web 28-10-2013

2 Commenti

  1. Ciao, io di tempeste perfette non ne ho viste! Vivo nel east midlands inglese e di grandi tempeste neanche l’ombra, c’è stata pioggia forte 2 notti fa e ieri 10 minuti, per il resto sole.. 🙂

    • Ciao Filippo,
      grazie per la tua testimonianza: è molto interessante, perché, se dai un’occhiata ai maggiori siti di news italiani (Ansa.it e Corriere.it, tanto per citarne un paio), noterai che raccontano una situazione ben diversa da quella che ci riporti tu.

      Grazie per la segnalazione!

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui