English Leather Technology: l’inglese per i tecnici di domani

In un mondo che si fa sempre più interconnesso, la padronanza dell’inglese è diventata un prerequisito essenziale. Per venire incontro a questa necessità, per gli studenti dell’Istituto Galilei Galilei di Arzignano c’è il progetto English Leather Technology.

IL PROGETTO. Da diversi anni ormai, gli studenti dell’indirizzo Chimica e materiali opzione Tecnologie del cuoio hanno la possibilità di migliorare le competenze linguistiche in inglese. Il tutto appunto grazie al progetto English Leather Technology, reso possibile dai contributi offerti dall’azienda Beken Italia srl e dalla continua collaborazione con il titolare della stessa, il Perito Industriale Mirko Negretto, ex studente dell’Istituto e persona particolarmente sensibile alla formazione di tecnici preparati. Le lezioni, particolarmente interessanti e coinvolgenti, sono tenute dal docente madrelingua Gordon Kennedy, dottore in chimica. Le competenze tecniche unite a quelle linguistiche del dottor Kennedy permettono di arricchire l’offerta formativa. In sintesi, si tratta di una serie di incontri mirati al consolidamento del vocabolario in lingua inglese utilizzabile per spiegare le operazioni ed i concetti fondamentali associati al processo di concia.

UN REQUISITO FONDAMENTALE. Il progetto, che è seguito dalla professoressa Delia Antonello, vicario del dirigente scolastico, mette in luce un punto focale nella crescita dei futuri lavoratori. La necessità di praticare un buon inglese, soprattutto a livello tecnico, diventa infatti qualcosa di fondamentale nel distretto di Arzignano, dove i ragazzi che andranno a inserirsi nelle realtà del territorio avranno quotidianamente contatti con clienti e fornitori provenienti da tutto il mondo, e rendendo quindi questo progetto di particolare importanza. Per questo la serie di incontri sono mirati al consolidamento del vocabolario in lingua inglese utilizzabile per spiegare le operazioni ed i concetti fondamentali associati al processo di concia, così da facilitare gli studenti una volta alle prese con l’inserimento lavorativo.

 

Redazione web
07/05/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui