Estate a Vicenza: oltre cento eventi

vicenza

Sono i giardini i protagonisti dell’estate cittadina di Vicenza. Oltre la Basilica Palladiana, con la terrazza aperta fino a tarda notte dove si può ascoltare musica dal vivo e sorseggiare un cocktail, da questa sera fino agli ultimi giorni di settembre il cartellone degli eventi cittadini conta un centinaio di appuntamenti sparpagliati tra il giardino Salvi, quello del Teatro Olimpico, i chiostri di Santa Corona e i palazzi storici.

Ma il centro della programmazione estiva sarà a Campo Marzo.

«Per sconfiggere l’oscurità bisogna accendere la luce» sintetizza il vicesindaco e assessore alla Crescita Jacopo Bulgarini d’Elci, alludendo alla situazione problematica, legata al degrado e allo spaccio, del grande polo verde cittadino. Così, ancora una volta il Comune tenta l’arma dell’intrattenimento per allontanare dal parco la microcriminalità. Quest’anno si punta tutto su nove concerti che, prendendo forse spunto dal clima multiculturale di Campo Marzo, vogliono far conoscere i tanti tipi di musica del mondo.

L’investimento dell’amministrazione comunale è di 30mila euro, la metà di quanto costa tutta la programmazione culturale estiva. La cifra è stata ricavata rinunciando ad ospitare una serata del Festival Show che da anni faceva tappa a Vicenza e, invece, adesso servirà a coprire il costo dei concerti e a versare un piccolo contributo all’associazione «Spritz letterario», che ha aperto la casetta-biblioteca di Campo Marzo dove organizza varie manifestazioni, dal laboratorio di scrittura emozionale alla presentazione di libri. In collaborazione con Framevolution World Music Management, il Comune ha voluto portare a Vicenza giovani emergenti (ma anche già affermati) che spaziano dai linguaggi della musica celtica a quella medievale, dal reggae ai ritmi sudamericani. Si parte sabato con le sonorità jazz di «Maurizio Camardi world quartet» che duetterà con il percussionista cubano Ernesticco, per poi continuare il sabato successivo con l’electro medieval dei «Rondeau de Fauvel». Il 18 luglio invece, sarà la volta del new celtic del gruppo irlandese «Fullset», per poi passare il 26 luglio al soul di Habaka Kay Foster Jackson. Agosto, invece, si apre con la musica balcanica dei «Söndörg », guidati dai fratelli Eredics, per poi passare ad un mix di rock, reggae, rap e afrobeat il 5 agosto con «Joe Driscoll e Sekou Kouyate».

La chiusura del programma sarà affidata soprattutto a gruppi locali, prima con due doppi concerti (23 e 29 agosto), in cui saranno sul palco rispettivamente il trio gipsy «Les Manouches Bohemiens » e il duo «A bassa voce » e, per una serata poprock, la band di Dave Nicolli e gli «Smako Acustico».

Il gran finale sarà il 5 settembre con le arpe di Vincenzo Zitello. Non è tutto: rimanendo in tema musicale, ritornano le «OpenNights» della Società del Quartetto di Vicenza in programma dall’11 luglio al 9 agosto al giardino del Teatro Olimpico e nel cortile di Palazzo Leoni Montanari. Ma non c’è solo la musica nell’estate di Vicenza: ai Giardini Salvi la domenica vanno in scena gli spettacoli per bambini e una rassegna cinematografica, che si affianca a quella tradizionale all’aperto ai Chiostri di Santa Corona. Non mancheranno le passeggiate a tema letterario attraverso i luoghi che hanno ispirato le opere di celebri scrittori vicentini, e nemmeno le «Notti della bellezza», un ciclo di quattro incontri dal 7 al 28 luglio in vari luoghi per gustare momenti di intrattenimento tra musica, spettacolo e conversazioni. Tutte le informazioni sul sito del comune.

 

 

 

 

 

Corriere del Veneto.it

Redazione web 01-07-2014

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui