Fiat 500 del 1959 in vendita a 40mila euro

 photo nextImage_zps86fa3eb8.jpeg

Chi possiede una vecchia Fiat 500 abbandonata sotto una tettoia o pensa di scovarne una, magari dagli Anni ’60, dimenticata in un magazzino che non è mai stato aperto, farà bene ad affrettarsi: la caccia al ‘Cinquino’ d’epoca è scatenata.

Lo dimostrano le quotazioni che le ‘Nuova 500’ – questa la denominazione ufficiale della rivoluzionaria city car della Fiat – stanno raggiungendo alle aste in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, due Paesi in cui la febbre della 500 ha ormai raggiunto temperature da ricovero.

Il sito britannico Classic Driver, a conferma di questo trend, propone un esemplare di Nuova 500 Transformable del 1959 (il venditore è lo specialista di auto d’epoca Graeme Hunt di Londra) alla astronomica cifra – per questo modello di auto – di oltre 40mila euro.

L’auto, completamente restaurata, appartiene alla prima serie ed è riconoscibile per le due piccole prese d’aria ai lati del musetto sotto ai fari, per i lampeggiatori a goccia sulla parte esterna dei parafanghi e per le porte non ‘controventate’.

La verniciatura in un celeste (probabilmente non esistente all’epoca nella cartella colori della Fiat) riprende le finiture in tinta dei sedili, mentre la capote in tela è blu scura. Tutto, all’interno e all’esterno, è immacolato e apparentemente perfetto ma da un punto di vista collezionistico questa Nuova 500 da 40mila euro è un ‘ibrido’ capace di far storcere il naso ai veri appassionati di questo modello. I paraurti sono sbagliati, così come altri elementi di finitura, ma l’oltraggio più evidente è avvenuto a livello meccanico: in questa auto del 1959 è stato trapiantato un motore 600 di epoca più moderna, con alternatore al posto della dinamo e cambio sincronizzato al posto di quello – tipico della 500 – che obbligava alla ‘doppietta’. E ci sono (orrore) anche i freni a disco all’avantreno e gli ammortizzatori Monroe-Matic.

Un esemplare, dunque, che è stato valutato come vetture ben più blasonate e prestazionali, ma che dimostra – nonostante queste ‘pecche’ nel restauro – come la Fiat 500 possieda, per i modelli di ieri come di oggi, un fascino e un valore tutto particolare.

 

 

 

Ansa.it

Redazione web 10-01-2014

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui