Film porno a scuola. I genitori vogliono denunciare la maestra, che risponde: “Colpa della chiavetta usb”

 photo url_zps5e0ef601.png

Avrebbero dovuto ascoltare musica, invece all’improvviso dallo schermo della lavagna interattiva installata nell’aula della scuola è apparso un video dal chiaro contenuto pornografico.

Pochi secondi in cui 29 bambini di una quinta elementare della paritaria «Farina», gestita da religiose in centro a Vicenza, hanno potuto vedere scene poi descritte da loro stessi come una sorta di orgia.

Alcuni alunni sono rimasti scioccati e, una volta tornati a casa, hanno raccontato a mamma e papà quanto visto in classe. L’istituto della congregazione delle suore dorotee assicura che si é trattato di un errore, che non era volontà dell’insegnante proiettare quel video. Ma la spiegazione non basta ai genitori, così alcuni, arrabbiati, sarebbero intenzionati a passare alle vie legali.

L’involontaria messa in onda delle scene di sesso risale a lunedì: la maestra voleva far ascoltare delle canzoni ai bambini, ma quando ha inserito la chiavetta Usb nel dispositivo multimediale si è accorta che non si trattava di musica. Ha subito cercato di fermare il video, ma per alcuni secondi gli alunni hanno fatto a tempo a capirne il contenuto.

«Hanno visto tutto — racconta un papà — alcune bambine sono rimaste così turbate dal filmato da non riuscire a parlarne con i genitori». Qualcuno ha già contattato un avvocato, con l’intenzione di sporgere denuncia. «Anche perché a 24 ore di distanza dal fatto — si sfoga il genitore — la scuola non ha provveduto ad informarci ».

Oggi intanto è in programma un incontro con la psicologa che lavora al «Farina». «Prima di tutto, il nostro obiettivo è la serenità dei bambini. Si è trattato di un errore — precisa il preside, Pietro Sergio Cervellin—l’insegnante ha detto di aver avuto la chiavetta dalla mamma di uno studente di un’altra classe e si è fidata. È nostra intenzione fornire alle famiglie una versione chiara della vicenda, approfondendo con una nostra indagine».

 

 

 

 

 

 

Corriere del Veneto.it

Redazione web 30-01-2014

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui