Galilei: arriva il macchinario di ultima generazione per rifinire le pelli

I ragazzi della 3^A1 del Galilei assieme alla preside Lucia Grieco

Il Galilei si arricchisce di uno strumento all’avanguardia. Nella mattinata di ieri, nel laboratorio di conceria dell’istituto di Arzignano, è stata presentata la nuova botte di follonaggio, un’apparecchiatura di ultima generazione per la rifinizione delle pelli donata dalla Revomec di Trissino.

UN MACCHINARIO ALL’AVANGUARDIA. Alla presenza dei ragazzi della 3^A1, dei professori Giorgio Gemo e Delia Antonello, della preside Lucia Greco e dei titolari della Revomec, è stato presentato al pubblico questo innovativo macchinario, che va ad arricchire il già fornitissimo laboratorio di conceria del Galilei. La botte di follonaggio è uno strumento che permette all’istituto di tenersi al passo con i tempi.

«È uno strumento che mancava all’interno del laboratorio – spiega Fabio Gecchele, cofondatore della Revomec –. Si tratta di un macchinario che viene usato sempre di più nella rifinizione delle pelli, e dato che quest’anno è il decimo anniversario della ditta abbiamo deciso di dare una mano all’istituto. Parliamo di una macchina di ultima generazione, che utilizzeranno prevalentemente gli studenti di quinta e quelli diell’ITS».

 

FINIRE IN BELLEZZA. Per il Galilei, questo è probabilmente il modo migliore di terminare l’anno scolastico, soprattutto dopo le difficoltà che hanno segnato il 2020-21, che non ha visto solo i problemi legati all’emergenza sanitaria.

«Ringraziamo la Revomec della generosità – le parole della preside dell’istituto, Lucia Grieco – è il momento di fare un bilancio dell’anno scolastico. Abbiamo sofferto molto per la tromba d’aria che ha procurato moltissimi danni ma che, soprattutto grazie alla generosità delle aziende, siamo riusciti a superare ogni ostacolo. Ora addirittura ci siamo arricchiti, grazie a un macchinario innovativo che ci permette di mantenerci all’avanguardia nel processo di lavorazione delle pelli. È fondamentale che i ragazzi si interfaccino con strumenti che andranno poi a trovare anche nel mondo del lavoro».

 

Redazione web
04/06/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui