Giunta Senato, sì alla decadenza di Berlusconi

 photo documentlocationdocumentlocation_zpsf5ea1ffa.jpeg

 

La Giunta per le elezioni del Senato ha votato a maggioranza la decadenza di Silvio Berlusconi da senatore, a seguito della condanna definitiva per frode fiscale.

L’annuncio è stato dato dal presidente Dario Stefàno attorno alle 16,30, dopo una camera di consiglio di oltre cinque ore.

La parola passa ora all’Aula di Palazzo Madama che dovrà ratificare la proposta.

La seduta pubblica, prima della camera di consiglio, era durata meno di un’ora .

Le forze politiche si erano presentate all’appuntamento fortemente divise: il Pdl facendo quadrato attorno al proprio leader e sostenendo la non applicabilità della legge Severino sulla non eleggibilità dei condannati,perché al momento in cu i fu commesso il reato quelle norme non erano ancora in vigore; il centrosinistra, Scelta Civica , Sel e il Movimento 5 Stelle orientati invece per un voto favorevole alla decadenza.

 

Gli avvocati di Berlusconi – Niccolò Ghedini, Franco Coppi e Pietro Longo – non hanno partecipato alla riunione. Sono intervenuti solo in un secondo tempo, lontano da Palazzo Madama, con delle dichiarazioni diffuse alla stampa: «Non vi è possibilità alcuna di difesa – hanno spiegato – né vi è alcuna ragione per presentarsi di fronte a un organo che ha già anticipato, a mezzo stampa, la propria decisione». «Nessuna acquiescenza – hanno aggiunto – può essere offerta a chi non solo non è, ma neppure appare imparziale. Non vi è dubbio che anche questa ulteriore violazione dei diritti costituzionali e dei principi della Convenzione Europea troverà adeguato rimedio nelle sedi competenti».

 

 

 

 

Corriere della Sera.it

Redazione web 04-10-2013 

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui