Gli esercenti di Arzignano scendono in piazza: “chiudere è facile, riaprire no”

Appuntamento alle 19.30 in Piazza Libertà. Gli esercenti di Arzignano, in segno di protesta contro l’ultimo Dpcm, si ritroveranno questa sera per leggere una lettera che consegneranno al sindaco o ad un altro esponente della giunta comunale, che ha accettato di partecipare alla manifestazione. Noi del Corriere Vicentino siamo andati a sentire Nicolò Sterle, Consigliere di Arzignano e tra i promotori dell’evento.

<< Si tratta di un raduno spontaneo – spiega Sterle -, promosso da alcuni baristi, ristoratori e commercianti che hanno chiesto il mio appoggio. Poi, a cascata, si sono uniti molti altri esercenti. È un incontro assolutamente propositivo, abbiamo raccomandato il rispetto di tutte le disposizioni sanitarie, e si tratta di una libera espressione di dissenso verso l’ultimo Dpcm che va a punire determinate categorie, senza offrire nessuna prospettiva né per quanto riguarda il contenimento dell’epidemia, né sull’effettivo ristoro, in quanto gli atti presentati fino a questo momento sono decisamente insufficienti. Sarà una manifestazione statica, con la lettura da parte di un rappresentante della lettera stilata dalle categorie e la consegna ad un esponente della giunta comunale, che avremmo piacere tenesse un breve intervento >>.

Dopo le recenti disposizioni il morale tra gli esercenti è decisamente a terra: << Anch’io sono una partita iva, e capisco il disagio. – prosegue Sterle -. Il malumore è alto, è quello che noto è soprattutto la delusione e la mancanza di una prospettiva, un senso di insicurezza non solo economico, ma anche morale. Molti commercianti si trovano in una situazione critica: per chi ha investito una vita in un’attività chiudere è facile, riaprire è molto difficile >>.

L’evento si terrà in massima sicurezza, rispettando le normative sanitarie: << La manifestazione è autorizzata dalla questura – conclude Sterle -, e colgo l’occasione per ringraziare Carabinieri e Polizia Locale per il lavoro che stanno facendo e per l’assistenza che ci daranno stasera >>.

 

Redazione web
30/10/2020

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui