Gli eventi per la 107ᵃ Giornata del Migrante e del Rifugiato

Giornata del Migrante e del Rifugiato

“Verso un Noi sempre più grande”: è questo lo slogan delle iniziative promosse da Caritas Diocesana Vicentina in occasione dell’edizione numero 107 della Giornata del Migrante e del Rifugiato, che sarà celebrata dalla Chiesa il 26 settembre. Il ricco programma prevede una serie di appuntamenti pubblici che si terranno dal 23 settembre all’8 ottobre a Vicenza, Sovizzo e Malo. Molti saranno i temi trattati: dalla rotta del Mediterraneo ai corridoi umanitari, dal caporalato ai temi dell’inclusione sociale. Si parlerà di sistema di accoglienza e di APRI, il nuovo progetto di Caritas Italiana per titolari di Protezione Internazionale in avvio anche a Vicenza, e si vivranno dei momenti conviviali dedicati alla cucina eritrea.

GLI EVENTI. Giovedì 23 settembre, all’auditorium San Gaetano di Malo si terrà la presentazione del libro Corpi migranti, progetto fotografico nato per documentare il dramma delle rotte mediterranee. Durante la serata, ci sarà un dibattito con l’autore Max Hirzel e con il regista Dagmawi Yimer.

Giovedì 30 settembre, all’auditorium San Gaetano di Malo si terrà l’incontro dal titolo Campi profughi e corridoi umanitari durante il quale ci sarà la proiezione del documentario Alganesh: viaggio attraverso quattro campi profughi in Etiopia. Verrà, inoltre, presentato il progetto di Caritas Italiana Protetto, rifugiato a casa mia – Corridoi Umanitari, attraverso l’esperienza degli operatori di Caritas Diocesana Vicentina e del gruppo Accoglienza Migranti di Malo.

Venerdì 1° OTTOBRE presso la sala conferenze di Sovizzo si terrà La gestione dei flussi migratori in Italia e in Europa: analisi, esperienze, proposte. Ne parleremo con il professore Antonio Silvio Calò, il Gruppo Accoglienza di Sovizzo e con gli operatori di Caritas Diocesana Vicentina.

Domenica 3 ottobre, nel sottoportico del centro parrocchiale S.Pio X a Vicenza, si terrà Ponte con l’Eritrea. Pranzo a offerta libera per conoscere i sapori e la cultura eritrea.

Venerdì 8 ottobre, al Centro Diocesano “A. Onisto” (ex Seminario) di Vicenza, ci sarà l’incontro dal titolo Immigrazione, sfruttamento e caporalato: sono davvero ai nostri margini? Ne parleremo con Marco Omizzolo, docente in Sociopolitologia delle migrazioni per l’università Sapienza di Roma, sociologo e ricercatore Eurispes; e con Giacomo Peretto, referente di Caritas Diocesana Vicentina per il progetto “APRI” di Caritas Italiana.

DICHIARAZIONI. «Il mondo oggi ci mostra un NOI molto difficile da percepire – afferma il direttore di Caritas Diocesana Vicentina, don Enrico Pajarin –. Ogni anno milioni di persone in tutto il mondo si mettono in viaggio alla ricerca di una nuova vita e di un futuro migliore, cercano dignità e sollevano le contraddizioni di questo nostro tempo. La tragedia afghana, in tempo di pandemia, ci impone la consapevolezza che quanto capita a migliaia di chilometri di distanza ci coinvolge direttamente, e non lascia margini di scusanti. La continua alzata di muri e di confini contraddice una verità evidente: questa nostra terra è unica ed appartiene ad un NOI sempre più grande».

«Oggi più che mai siamo chiamati a sentirci tutti nella stessa barca, anche se questa può essere più o meno confortevole a seconda del luogo di nascita o del paese di provenienza – spiega il responsabile dell’équipe migranti di Caritas Diocesana Vicentina, Giacomo Peretto –. L’attività di operatori e di volontari impegnati nelle accoglienze promosse da Caritas Diocesana Vicentina lo testimonia quotidianamente. Per questo motivo l’équipe migranti, insieme ai gruppi di volontari coinvolti nelle accoglienze di rifugiati e richiedenti asilo, hanno pensato di organizzare queste iniziative. Lo scopo principale è porre l’attenzione sui molti aspetti legati al tema delle migrazioni forzate».

INFORMAZIONI UTILI. Gli eventi si svolgeranno nel pieno rispetto delle normative anti-Covid. Mascherina e Green pass sono obbligatori. Per partecipare è necessaria la prenotazione attraverso il seguente link oppure scrivendo nome, cognome e numero di partecipanti a migranti@caritas.vicenza.it o al 348 8860498.

Scarica la locandina

Redazione web
20/09/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui