Gli insegnamenti del Monaco Maestro

Si chiama “37. Gli insegnamenti del Monaco Maestro” ed è un libro che potremmo definire “sapienziale”. Pubblicato di recente da Berica Editrice, è stato scritto da Marco Zamboni, a cui abbiamo fatto qualche domanda.

Com’è nata l’idea?
Sono un ex allenatore sportivo appassionato di cultura orientale che ora svolge attività di consulenza e formazione in azienda e l’idea è proprio nata per sopperire all’esigenza di trovare una comunicazione efficace su temi spesso ostici, come quelli della responsabilità personale, il rispetto, la disciplina. Un modo impersonale per far arrivare valori incarnati da una figura simbolo.

Chi è questo Monaco Maestro protagonista del libro?
Il Monaco Maestro potrebbe essere ognuno di noi, oppure il mentore che tutti vorremmo, la guida sicura che sa stimolare e riprendere quando serve.
Una persona a cui far riferimento anche se non è vicina a noi. Nella nostra memoria spesso riaffiorano insegnamenti che agganciamo a ricordi particolari. Ecco, il monaco è quel lato silente, che però c’è quando serve.

Come mai sono 37 gli insegnamenti?
All’inizio me lo sono chiesto anch’io, sono usciti quasi per caso quando ho iniziato a scriverli, ma poi, come spiego nel libro, è successo qualche cosa.
Il 37 è un numero molto indicativo per numerologia e cabala. A me lo ha rivelato Google, senza che glielo chiedessi… quel numero definisce “il monaco”. E se è vero che il caso non esiste, quel numero è arrivato “per caso”.

Se dovesse scegliere uno di questi insegnamenti da proporre a chi deve ancora leggere il libro?
Il bello del libro, mi dicono quelli che hanno lasciato una recensione su Amazon, è che lo puoi aprire a caso e trovarci uno stimolo interessante. Ovviamente non ha nessun potere divinatorio, ma è bello pensare di trovare quello che ci serve solamente aprendolo.
Forse la prima chiave “fai accadere e accadrà”. È quella che mi piacerebbe tutti prendessero come un consiglio, ovvero quello di lavorare per essere nel posto giusto al momento giusto, perché anche questa cosa non è mai un caso.

Quanto c’è di personale in “37″?
C’è molto o forse tutto. Sono tutti passaggi che ho vissuto prima come figlio, come allenatore, come allievo, come maestro, come consulente… insomma è un percorso molto personale, come il percorso di ognuno di noi. La cosa curiosa è che sicuramente quello che c’è scritto è quello che tutti abbiamo vissuto, poi qualcuno ne ha fatto tesoro, altri invece lo avranno dato per scontato.

A chi può essere utile questo libro?
A tutti quelli che sono curiosi, che hanno voglia di intraprendere un viaggio impegnativo, ma anche a tutti quelli che sentono di voler cambiare qualche cosa. La cosa più bella è sentire come lo hanno vissuto quelli che lo hanno letto.
Queste persone mi chiamano e mi chiedono di approfondire, mi chiedono dove sia il monastero di Palcho e mi chiedono di conoscere il Maestro.

Potete trovare il libro al seguente link.

Redazione web
11/05/2020

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui