I murales di Romeo e Giulietta rinnovano Piazza Malenza

Piazza Malenza, cuore di Montorso Vicentino, sta cambiando volto nel segno di Romeo e Giulietta, grazie all’opera di quattro giovani artisti. Sono i montorsani Elisa Gaiola, Mattia Biasolo ed Elisa Albiero, che assieme a Nicole Galiotto di San Giovanni Ilarione (ma con radici famigliari a Montorso) stanno realizzando sei murales nelle parti sottostanti i sei archi che sostengono il muro che delimita il parcheggio e il Monumento ai Caduti.

I murales, realizzati con la tecnica delle silhouette su sfondo colorato, rappresentano alcune scene della tragedia di Romeo e Giulietta ambientate a Montorso Vicentino, dove Luigi Da Porto scrisse per primo la novella dei due amanti, successivamente ripresa da William Shakespeare che la rese immortale e universale.

Nel primo arco si vede Giulietta in maschera, nel secondo la scena del bacio sul balcone, nel terzo il matrimonio ambientato davanti alla chiesa di San Biagio e nel quarto il duello tra Romeo e Tebaldo sotto la torre campanaria del cimitero. I giovani artisti sono ora impegnati a completare i restanti due archi: il quinto raffigurerà la partenza di Romeo per l’esilio e la chiesetta di San Marcello e il sesto la morte di Giulietta e Romeo assieme alle figure di Luigi Da Porto e della villa che porta il suo nome. Il loro intento è completare l’opera entro la fine di ottobre.

Promotore di questa iniziativa, che si aggiunge al murale realizzato l’anno scorso da Elisa Gaiola ed Eleonora Ceresato al campo sportivo, è l’assessorato alle politiche giovanili, allo scopo di dare sfogo alle doti artistiche dei giovani e di rivitalizzare l’aspetto della piazza, dove recentemente una ditta specializzata ha provveduto a ripulire e ritinteggiare l’area del Monumento ai Caduti.

“Quando il Comune ci ha proposto di decorare questi spazi – spiega Elisa Gaiola a nome di tutti i giovani artisti coinvolti – abbiamo risposto positivamente e con entusiasmo. La progettazione è iniziata un anno fa ed ora stiamo ultimando l’opera. Sarà bello, anche a distanza di anni, passare di qua e ammirare con orgoglio quanto abbiamo realizzato per il paese”.

Redazione web
10/09/2020

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui