Il Museo Zannato porta scienze e storia in tutta la provincia

 photo header-rete_zpsf2f7197d.png

Lunedì 15 aprile tornano gli “Incontri tra Natura e Storia“, organizzati dal Museo di Archeologia e Scienze Naturali “G. Zannato” – Sistema Museale Agno-Chiampo.
Il calendario degli incontri prevede:

Lunedì 15 aprile
MONTEBELLO, ore 20:30
Biblioteca Civica – Piazzale Cenzi, 7

CERAMISTI E BRONZISTI DEL VENETO ANTICO
Intorno a Venetkens
Dott. Massimo Vidale
Vasai e bronzisti lavoravano per le case aristocratiche che dominavano le prime città della Media età del Ferro (tra le quali Padova e Vicenza, Oderzo, Concordia, Este), in parte alloggiati negli stessi luoghi e nelle stesse aree di lavorazione, ma erano anche una componente dinamica e importante dell’economia dei centri minori delle fasce pedemontane e delle prime valli Alpine. La conferenza illustrerà alcuni aspetti del loro lavoro, delle loro tecniche e della loro identità sociale, a partire da alcune scoperte vecchie e nuove nelle nostre regioni – tra le quali l’eccezionale rinvenimento, nel villaggio protostorico di Montebello Vicentino (V-IV secolo a.C.) di un intero laboratorio ceramico sigillato, con materiali, strumenti e infrastrutture, da un improvviso e rovinoso crollo.

 

Venerdì 19 aprile

SOVIZZO, ore 20.30, all’Auditorium dell’Istituto Comprensivo, via Alfieri 3

IL VENETO ANTICO CROCEVIA DI SCAMBI
Intorno a Venetkens
dott.ssa Maria Cristina Vallicelli
Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto

Attraverso la lettura diacronica dei materiali di importazione restituiti principalmente dalle necropoli ma anche dalle aree di abitato e di santuario, è possibile ricostruire l’ampia rete di scambi che, già a partire dalla fine dell’età del Bronzo, hanno coinvolto l’area veneta. Oggetti provenienti dall’Asia Minore, dall’Egeo e dall’Italia meridionale, dall’Etruria sia tirrenica che padana e dalle regioni d’Oltralpe, danno testimonianza dei rapporti commerciali, diretti o mediati, che inseriscono il territorio veneto nel vasto circuito di traffici che collegava il Mediterraneo orientale all’Europa centrale: una circolazione di merci e prodotti che ha determinato anche l’attivarsi di processi di acculturazione, portatori di nuove consuetudini e di nuovi saperi.

Sabato 4 maggio
BRENDOLA, ore 15:30
ritrovo ore 15:15 davanti al Municipio di Brendola

ERBE COMMESTIBILI DELLE CAMPAGNE E DELLE COLLINE
Escursione
dott. Antonio Cantele
erborista

L’escursione si svolgerà tra prati e boschi del colle di Brendola alla ricerca di piante selvatiche e commestibili.
Sarà perciò possibile prendere conoscenza diretta delle erbe spontanee incontrate durante il tragitto.
Verranno dettagliatamente illustrate le caratteristiche botaniche, il loro impiego in cucina, nell’economia domestica e nella medicina tradizionale.Si parla spesso di tornare alla natura, lenerosamente tutti
In caso di maltempo, l’escursione è sostituita da una conferenza nella Sala Consiliare – Piazza Marconi, ore 15.30.

Martedì 7 maggio
ZERMEGHEDO, ore 14:00
Incontro riservato agli alunni della Scuola Primaria di Zermeghedo

I FOSSILI RACCONTANO LA STORIA DELLA VITA
Dott.ssa Maria Gabriella Fornasiero
Museo di Geologia e Paleontologia – Università di Padova

Giovedì 9 maggio
MONTECCHIO MAGGIORE, ore 20:30
Sala Civica, Corte delle Filande

IL CAVALLO NELLA VITA, NEL SACRO E NELLE IMMAGINI DEI VENETI ANTICHI
Intorno a Venetkens
Dott.ssa Angela Ruta Serafini
Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto

Domenica 12 maggio ore 8.30
VISITA GUIDATA ALLA MOSTRA VENETKENS (PALAZZO DELLA RAGIONE – PADOVA) E ALLE AREE ARCHEOLOGICHE DI MONTEGROTTO
La mostra presenta la cultura dei Veneti antichi con attenzione non solo al rigore scientifico, ma anche all’aspetto emozionale, grazie ad effetti sonori, postazioni multimediali e ricostruzioni che accompagnano il visitatore alla scoperta dei diversi aspetti della vita di questi nostri “antenati”. La visita guidata sarà accompagnata dall’attività “Vietato Non Toccare”, esperienza unica che prevede manipolazioni di frammenti originali e di copie dei reperti esposti. Nel pomeriggio visiteremo i suggestivi resti della Montegrotto romana, le cui acque termali sono state utilizzate fin dall’antichità per le loro virtù terapeutiche.
Viaggio in pullman.
Iscrizioni entro il 30 aprile.

Mercoledì 15 maggio
TRISSINO, ore 20:30
Biblioteca Civica – Via Manzoni, 10

A CACCIA DI SERPENTI DI PIETRA
dott. Filippo Bertozzo, naturalista

Intorno agli anni settanta del ‘900, team scientifici francesi ed italiani esplorarono il Ténéré (“il deserto nel deserto” sahariano) a caccia di tesori fossili. Tra le scoperte più rilevanti vi è quella di un grande dinosauro ornitischio, denominato successivamente Ouranosaurus nigeriensis, rinvenuto nella regione di Gadoufaoua. Uno scheletro originale e parzialmente completo è esposto nel Museo di Storia Naturale di Venezia da più di trent’anni. La conferenza presenta le osservazioni e i risultati preliminari dello studio in corso su questo raro esemplare, di cui è stata realizzata una scansione virtuale. Tramite le moderne tecnologie computerizzate, sarà possibile chiarire alcuni aspetti dell’enigmatica biologia dell’animale, estinto da quasi 100 milioni d’anni.

Sabato 18 maggio
CASTEGOMBERTO, ore 15:00
Biblioteca Civica , via Barbaran

DA GRANDE FARO’ … IL PALEONTOLOGO
Incontro-laboratorio per bambini e famiglie
prof. Paolo Mietto
Dipartimento di Geoscienze – Università di Padova

Incontro-laboratorio con un paleontologo che studia le impronte dei dinosauri. Racconti, immagini, calchi di orme ci porteranno nel mondo dei fossili fino a farci incontrare i dinosauri, animali simbolo del passato. Vedremo come il paleontologo trova le orme, come le studia e infine quali informazioni scientifiche riesce a ottenere dalle sue indagini.

Domenica 9 giugno ore 8.00
VISITA GUIDATA A CONCORDIA SAGITTARIA, AL MUSEO NAZIONALE CONCORDIESE DI PORTOGRUARO E ALL’OASI NATURALISTICA DI VALLEVECCHIA PRESSO CAORLE.
L’antica colonia romana di Concordia conserva importanti testimonianze monumentali e una grande varietà di preziosi reperti (statue, ritratti, iscrizioni, vetri, gemme, ornamenti in ambra…), esposti a Concordia e nel Museo Nazionale di Portogruaro, attraverso i quali è possibile rivivere la vita quotidiana al tempo degli antichi Romani.
Nel pomeriggio ci sposteremo nell’area naturalistica di Vallevecchia presso Caorle, riconosciuta come Zona di Protezione Speciale e Sito di Importanza Comunitaria per la ricchezza e la varietà degli habitat, della flora e della fauna. Valle Vecchi ha la particolarità di essere un’ isola litoranea risultato di bonifiche degli anni ’60. Tra l’arenile e la pineta è presente uno dei più importanti sistemi dunali litoranei del Veneto.

NB l’Oasi può essere fangosa. E’ necessario portare delle scarpe di ricambio e un sacchetto dove riporle.
Viaggio in pullman
Iscrizioni entro il 27 maggio.

Lunedì 10 giugno
MONTORSO, ore 16:00
Villa Da Porto

CHIMICA e CUCINA
Prof. Saverio Santi
Dipartimento di Scienze Chimiche
Università degli Studi di Padova
Perché alcuni alimenti devono essere cotti? Perché cuciniamo certi cibi assieme ad altri? Per rispondere a queste e altre domande dobbiamo conoscere le trasformazioni del cibo. La chimica studia la materia e le sue trasformazioni, la cucina è l’arte di trasformare gli alimenti. Variazioni di colori e profumi sono le formule magiche che usiamo ogni giorno in cucina e la chimica ci aiuta a svelarne il segreto. In questa giornata toccherete con mano la chimica in cucina.

Lunedì 10 giugno
ARZIGNANO, ore 21:00
Piazza Marconi

ANDAR PER METEORITI IN ANTARTIDE
dott.ssa Anna Maria Fioretti
CNR, presso Istituto di Geoscienze e Georisorse – Padova.

Le meteoriti sono rocce extraterrestri che provengono da pianeti e corpi rocciosi del nostro sistema solare. Trovare una meteorite è in generale un evento assai raro, tuttavia esistono luoghi speciali sulla Terra dove le meteoriti si accumulano. Le zone di “ghiaccio blu” della calotta antartica sono uno di questi luoghi. I ghiacci antartici non solo custodiscono 800 mila anni di storia climatica del nostro pianeta, ma anche le numerose meteoriti cadute sul continente in questo intervallo di tempo.
Come trovarle? Come si lavora in un campo remoto, a 2700 metri di quota, in tende a -20 °C nel silenzio assoluto delle distese glaciali? La testimonianza diretta di un’esperienza scientifica ed umana indimenticabile.
In caso di maltempo all’interno di Biblioteca Civica G. Bedeschi

Il Museo di Archeologia e Scienze Naturali “G. Zannato”
è in piazza Marconi, 15 a Montecchio Maggiore.

tel/fax 0444 492565
e-mail: museo@comune.montecchio-maggiore.vi.it
museo.archeologia@comune.montecchio-maggiore.vi.it
sito web: www.museozannato-agnochiampo.it

Redazione web 10-04-2013

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui