Inarrestabile Paola: oltre le avversità verso il sogno tricolore

Sessantaquattro interventi chirurgici e non mollare. Stiamo parlando di Paola Giambellini, atleta paralimpica di handbike. Amante dello sport fin da bambina, l’atleta di Chiampo, a 14 anni praticava atletica a livello agonistico. Ben presto però, sente un improvviso dolore al ginocchio e vede il suo sogno sgretolarsi. Da qui l’odissea per scoprire l’origine di quel dolore, rivelatosi poi un tumore molto raro.

Una sessantina di interventi non hanno fermato la handbiker vicentina, classe 1965, che ha tagliato traguardi che probabilmente in passato mai avrebbe immaginato di superare. L’ultimo ieri a Salizzole (VR), dove si è svolta la prima tappa dei Campionati italiani di handbike, in cui Paola, ancora una volta, ha dato dimostrazione della sua tenacia. Nonostante un inconveniente che le ha causato la perdita di un giro, è comunque riuscita a salire sul podio, chiudendo seconda nella sua categoria. Inoltre, le è stata consegnata la maglia che conferma la seconda posizione a livello veneto.

Notevole, sopratutto se si pensa che la sua carriera è iniziata da poco più di un anno: nel novembre 2019, in particolare al reclutamento di “Obiettivo 3”, progetto fondato da Alex Zanardi, con l’intento di coinvolgere soggetti diversamente abili nella pratica sportiva. Solamente a febbraio 2020 però l’arrivo della prima bici. Poi “Obiettivo tricolore”, la grande staffetta  di “Obiettivo 3”, che l’atleta ricorda come un momento particolarmente toccante «è stata un’esperienza emozionante, ho preso in consegna la bandierina e la staffetta con la presenza di Alex».

Sicuramente non una vita semplice quella di Paola: separata da quando la figlia aveva appena un anno, «nei momenti peggiori della malattia, – racconta – mi vedevo “più di là che di qua”. Non pensavo di veder crescere mia figlia». Figlia che invece, da sempre è la sua forza più grande e che da qualche tempo le ha donato la gioia di diventare nonna. Perché lo sguardo, da queste parti, è sempre proiettato al futuro.

Redazione web
29/03/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui