La storia di Camilla, il cucciolo di capriolo salvato e accudito da una famiglia di Mossano

 photo documentlocationdocumentlocation_zps72c14023.jpeg

I protagonisti della vicenda sono nonno Mario Pegoraro, i nipoti Ilaria e Alessio, Scilla (ma per tutti Sila), splendido esemplare di pastore tedesco e poi lei, Camilla, capriolo salvata da morte sicura dopo pochi giorni di vita. 

Tutto è iniziato sette mesi fa, in piena estate,ed è finito ieri con un gruppo di agenti del distaccamento di Vicenza della Polizia Provinciale che liberano l’ungulato nell’oasi protetta di Novoledo, a poca distanza da una famiglia di caprioli.

Lo scorso giugno, a Mossano,  la signora Miriam vide, sdraiata sull’asfalto, in mezzo alla strada, un cucciolo femmina di capriolo.

“Ho chiamato subito gli agenti provinciali e poi l’ho raccolta. Era spaventata, denutrita, spossata. Quasi pronta a morire. Gli agenti, che conoscevano papà, in via del tutto eccezionale ci hanno permesso di accudirla”. La casa di via Ca’ Dolfina, a Ponte di Barbarano, diventa da quel momento un piccolo Eden di armonia e la nuova inquilina viene ribattezzata Camilla.

Mario, 72 anni a breve, e Sila si alternano nel ruolo di mamme. “Grazie a una pompa morbida, le ho dato il latte delle capre che ho in stalla. Poi ho cominciato con il biberon”. Cinque, sei volte al giorno, mentre la femmina di pastore tedesco le lecca il muso teneramente proteggendola come se fosse sua, se l’avesse partorita lei. Anche la gatta Minia non è da meno.

Per sette mesi riempie la casa e le giornate dei Pegoraro, con tutti i bimbi della zona (e non solo loro) che estasiati si fermano ad ammirarla. “Una volta è scappata nel vicino Consorzio – sottolinea Mario – ma quando è arrivata la cagna si è tranquillizzata e l’ha seguita a casa. Una di famiglia, ma ormai era chiaro che era cresciuta e aveva bisogno di ritrovare i suoi spazi. Così abbiamo richiamato la Polizia Provinciale per chiedere di intervenire e far sì che le cose seguissero naturalmente il proprio corso”. Una decisione opportuna e necessaria anche se l’interessato confessa: “Non ho mai dormito questa notte, anzi mi sono pure dovuto misurare la pressione”.

Qualcosa di analogo deve aver passato Camilla, svegliatasi nervosa e divenuta improvvisamente così diffidente di fronte a quegli estranei in divisa da rendersi necessario per qualche minuto un guinzaglio. A calmarla, alla fine, ancora le mani callose e amorevoli di Mario ed una ciopa de pan divisa con Sila. Poi l’ultima foto e la gabbia, accolta senza fare storie. Con il furgone seguito dallo sguardo commosso di tutti (“Ma andremo a trovarla, vero papà?”) dalla ricerca affannosa, senza soste di Sila, ritrovatasi improvvisamente sola.

“Spesso e volentieri – sottolineano il dirigente Adriano Arzenton ed il vice-ispettore Alberto Nuciari intervenuti assieme ad altri 4 agenti del distaccamento berico – dobbiamo intervenire per casi di bracconaggio, nei quali le mani di figuri che non hanno alcun rispetto della vita e delle regole diventano strumenti di morte. Qui, invece, mani amorevoli hanno saputo ridare la vita. Sottolineiamo due cose: era una situazione eccezionale, l’animale era condannato a morte certa in quelle condizioni. Pertanto, invitiamo i Vicentini di buona volontà ad avvertirci sempre quando trovano un cucciolo abbandonato o disperso e soprattutto a non cedere alla tentazione di prenderlo subito fra le braccia”. Per non trasformare un possibile lieto fine in un probabile e silenzioso dramma.

 

 

 

Corriere del Veneto.it

Redazione web 10-01-2014

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui