Lavori utili: rinnovata la convenzione con il tribunale

L’Amministrazione Comunale di Arzignano ha deciso di rinnovare la convenzione – con decorrenza dal 20/03/2021 – con il Tribunale di Vicenza, per lo svolgimento del lavoro di pubblica utilità.

Il Comune di Arzignano si rende quindi disponibile a far svolgere attività non retribuita a favore della collettività a persone residenti ad Arzignano e condannate alla pena sostitutiva del lavoro di pubblica utilità, per un massimo, in contemporanea, di 5 persone.

I costi a carico del Comune di Arzignano sono limitati all’assicurazione dei condannati contro gli infortuni e alle malattie professionali, nonché riguardo alla responsabilità civile verso i terzi ed altresì ai costi di gestione per la sicurezza lavorativa degli stessi.

Nel corso del biennio 2019-2020 sono state 11 le persone residenti nel Comune che hanno svolto lavori di pubblica utilità. Si tratta di persone con età compresa dai 20 ai 68 anni, condannate per guida in stato di ebbrezza, che hanno prestato servizio per periodi che vanno dalle 20 alle 279 ore.

Hanno svolto diverse mansioni: pulizia dei parchi, pulizia del cimitero, apertura e chiusura transenne del centro storico nel corso di eventi, attività di archiviazioni al Comando di Polizia Locale.

«Vista l’esperienza positiva degli scorsi anni – il commento del sindaco Alessia Bevilacqua e del vicesindaco Enrico Marcigaglia – riteniamo che chi ha commesso reati minori possa svolgere dei lavori utili che vanno a beneficio di tutti i cittadini. Lavori che permettono, inoltre, alla persona condannata di iniziare un percorso di riabilitazioni».

 

Redazione web
30/03/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui