Maltempo: il Comune chiederà lo stato d’emergenza

Continuano i lavori per rimettere in sesto la città. Ad una settimana dall’evento estremo di maltempo che ha colpito l’Ovest vicentino, il Comune di Montecchio Maggiore continua a raccogliere le segnalazioni dei cittadini per fare un primo censimento sull’entità dei danni provocati da vento, pioggia e grandine: c’è tempo fino a venerdì 23 luglio per inviare la documentazione compresa di materiale fotografico.

 

LO STATO DI EMERGENZA. A oggi sono già più di 30 le famiglie che hanno aderito alla rilevazione da parte degli uffici comunali, comunicando per lo più l’allagamento di scantinati, o il danneggiamento di auto e abitazioni.

«Il prossimo passo sarà di attivarci presso la Regione Veneto per la richiesta dello stato di emergenza. – spiega l’assessore alla Protezione Civile, Loris Crocco – Soltanto in questa maniera potremo passare al vaglio della Regione per accedere a possibili risarcimenti, per questo raccomandiamo i cittadini a partecipare al censimento. È nostra intenzione fare tutto in nostro potere per aiutare chi ha riportato danni ingenti».

 

L’INVITO DELL’AMMINISTRAZIONE. Il Comune, inoltre, sollecita inoltre tutti i cittadini ad iscriversi al canale Telegram della Protezione Civile t.me/PC_MontecchioM, per essere aggiornati in caso di eventi avversi che possano comportare rischi per la collettività. Dopo il nubifragio, la Protezione Civile di Montecchio Maggiore, coadiuvata da quella di Brendola, si è subito messa in moto per liberare le strade allagate e intervenire con rapidità nei tanti episodi d’emergenza, si stima che il vento abbia abbattuto almeno 500 alberi nel territorio comunale.

Per il ritiro e lo smaltimento del materiale danneggiato a causa del violento nubifragio, ad esclusione del verde privato, va contattato l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Montecchio Maggiore tel. 0444.705706; e-mail comune@comune.montecchio-maggiore.vi.it.

 

Redazione web
20/07/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui