Montecchio Maggiore: il Lions Club lancia il restauro dell’antico portale della Pieve

portale della Pieve

Il Lions Club di Montecchio Maggiore lancia il restauro conservativo dell’antico portale della Pieve.

Salviamo l’antico portale della Pieve. È l’appello e allo stesso tempo l’impegno che si assume il Lions Club di Montecchio Maggiore, pronto a dare il via ad un service (così il Club definisce gli interventi realizzati a favore del territorio) mirato alla pulizia, al consolidamento e alla protezione dell’altorilievo risalente al XV secolo e collocato sul lato orientale dell’ex Pieve tardo romana di S. Maria e S. Vitale nell’area dell’ospedale civile di proprietà dell’Ulss 5.

Gli anni e le intemperie rischiano di causare il definitivo degrado del manufatto che fino agli anni Settanta si trovava sul lato occidentale dell’area, lungo la provinciale 246. Ecco allora che il Lions Club montecchiano, sostenuto da alcuni sponsor, ha chiesto all’Ulss 5 e alla Sovrintendenza l’autorizzazione per procedere al restauro del portale ed eventualmente trovare un altro posto dove conservare nel tempo il pregiato manufatto, realizzato da un autore sconosciuto in pietra dura nella parte bassa e in pietra tenera, probabilmente estratta dalle Priare dei Castelli, nella parte raffigurante la Beata Vergine col Bambino.

Il progetto di recupero del portale è stato presentato questa mattina presso l’ex Pieve alla presenza del sindaco Milena Cecchetto, del commissario dell’Ulss 5 Giovanni Pavesi, del presidente del Lions Club di Montecchio Giampietro Querci assieme al past president del Club Claudio Beschin e al primo vicepresidente Clara Larigno Mensi.

“L’Ulss 5, insieme all’Amministrazione Comunale – commenta il commissario dell’Ulss 5 Giovanni Pavesi -, è interessata a valorizzare le testimonianze del passato importante di Montecchio Maggiore. Un richiamo alla memoria che assume un particolare significato in un momento in cui sono già iniziati i lavori per la costruzione del nuovo ospedale Arzignano-Montecchio Maggiore, un’opera di grande modernità con la quale guardiamo al futuro dell’assistenza sanitaria nel territorio, ma senza dimenticare la sua tradizione, come dimostra l’iniziativa che oggi viene presentata”.

“Ben venga quest’opera di restauro – afferma il sindaco Milena Cecchetto – perché consentirà di conservare ancora per moltissimi anni questa testimonianza dell’antichissima fede religiosa di Montecchio Maggiore. Come Amministrazione comunale ringraziamo dunque il Lions Club e l’Ulss 5: grazie al loro impegno e alla loro disponibilità, la nostra città potrà godere di un ulteriore tesoro che merita di essere valorizzato anche dal punto di vista del turismo artistico”.

“La disponibilità espressa dal dott. Pavesi – sottolinea il past president del Club Claudio Beschin – dimostra un’elevata sensibilità culturale e un amore per il nostro territorio. Questo sarà uno dei service più importanti mai realizzati dal nostro Club, che così si impegna nella valorizzazione dell’ex Pieve assieme al comitato che si sta occupando del recupero di questo antichissimo sito religioso”.

 

 

 

 

Comune di Montecchio Maggiore

Redazione web 07/07/2016

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui