Montecchio Maggiore: presentato il progetto Spyglass, per lo sviluppo delle politiche giovanili

spyglass

Spyglass: un progetto che coinvolge 16 amministrazioni comunali del vicentino per lo sviluppo delle politiche giovanili del territorio.

La Cooperativa Sociale Studio Progetto promuove il progetto SPYGLASS, finalizzato a creare un’occasione di incontro e di dialogo tra i giovani e i responsabili per le politiche giovanili dei 16 Comuni vicentini coinvolti nel progetto: Alonte, Arzignano, Castelgomberto, Chiampo, Cornedo Vicentino, Montebello, Montecchio Maggiore, Montorso, Nogarole Vicentino, Recoaro Terme, Santorso, Schio, Thiene, Trissino, Valdagno e Vicenza.

Il progetto, finanziato dall’Azione Chiave 3 del programma Erasmus+, analizzerà la “European Youth Strategy”, l’accordo che fissa un quadro di collaborazione sulle politiche giovanili tra i paesi europei, calandone i contenuti nei contesti locali della provincia vicentina, permettendo agli amministratori e ai giovani cittadini dei 16 comuni coinvolti di confrontarsi rispetto alle politiche giovanili territoriali, studiandone la realtà e confrontandola con le esigenze e i desideri dei più giovani.

Fondamentale, già in fase di progettazione, è stato l’appoggio dei comuni partner.
Una rete formata da 16 realtà molto diverse fra loro, dai 1.200 abitanti di Nogarole Vicentino ai 112.000 del Capoluogo di Provincia, che hanno aderito alla proposta non solo abbracciandone lo scopo e le metodologie, ma mettendo in gioco risorse e impegno per la gestione dei tanti momenti del progetto legati al territorio .

8 sono gli ambiti che il progetto si propone di indagare, gli stessi individuati dalla European Youth Strategy: Istruzione, Occupazione, Creatività ed Imprenditorialità, Salute e Sport, Partecipazione, Integrazione sociale, Volontariato, I giovani e il mondo. Su questi argomenti, si interrogheranno e interrogheranno i propri coetanei, i 16 gruppi di giovani selezionati da ogni singolo comune.
I risultati dell’indagine, condotta con tempi, metodi e strumenti scelti dai ragazzi, verranno presentati agli amministratori durante il primo dei 2 meeting previsti dal progetto.

Successivamente il progetto prevede una consultazione online collegata alle proposte emerse dai lavori del primo meeting, che cercherà di interpretare la voce giovanile del territorio per formalizzarla in alcune linee guida comuni.

Il progetto si concluderà con un secondo incontro, nell’autunno 2017, in cui giovani e amministratori selezioneranno le buone pratiche e gli obiettivi individuati dal progetto e produrranno linee guida per l’attuazione delle politiche giovanili in un contesto provinciale come il nostro.

Dichiarazione del Direttore dell’Agenzia Nazionale per i Giovani Giacomo D’Arrigo:

“L’iniziativa rientra all’interno dell’azione chiave ‘dialogo strutturato’ del Programma Erasmus+, gestito in Italia – per il capitolo rivolto ai giovani –  dall’Agenzia Nazionale per i Giovani. Il progetto offre quindi la possibilità di creare spazi di confronto e dialogo attivo tra le nuove generazioni e i decisori politici. Spazi ad oggi sempre più indispensabili per promuovere la partecipazione attiva dei giovani alla vita democratica del Paese anche in vista dei festeggiamenti per i 60 anni dai Trattati di Roma, dove loro avranno un ruolo attivo. La partecipazione delle nuove generazioni è infatti sempre più fondamentale nel percorso di crescita e sviluppo sociale, culturale ed economico del Paese, specialmente in questo periodo in cui è necessario, tutti insieme, promuovere iniziative di ricostruzione dei territori colpiti dal sisma partendo proprio dall’energia, carica, idee e motivazioni delle nuove generazioni”.

 

 

 

 

Comune di Montecchio Maggiore

Redazione web 03/11/2016

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui