Niente mancia alla cameriera lesbica: “Non condivido il tuo stile di vita”

0
5

 photo n-DAYNA-MORALES-large570_zps80968bd5.jpg

Lascia i Marines, si mette a fare la cameriera e un bel giorno le viene rifiutata la mancia. La ragione? Il suo orientamento sessuale.

Sulla fattura trova anche un messaggio della famiglia che ha deciso di non pagarla: “Scusa ma non siamo d’accordo con il tuo stile di vita”.

E’ quello che è successo ad una ragazza gay nel New Jersey.

Quando la ragazza, che si chiama Dayna Morales, si è presentata alla famiglia, all’Asian Bistro, la moglie ha esordito “Ah! Pensavo che ci avresti detto che il tuo nome è Dan. Che sorpresa!”. Alla fine del pasto, mamma, papà e i due figli hanno lasciato il ristorante senza aggiungere niente ai 93.55 dollari di conto.

La Morales, allora, ha deciso di raccontare la storia sul blog “Have a Gay Day” dove ha anche pubblicato una foto della ricevuta con su scritto: “Mi spiace ma non posso lasciarti la mancia perché non concordo con il tuo stile di vita e con come decidi di vivere”.

La reazione della ragazza, espressa in un’email mandata al blog, è stata questa: Sono profondamente offesa, arrabbiata e ferita che QUESTO è il modo in cui crescerà i suoi figli e che ho servito nei Marines per vedere persone così ignoranti andare liberamente in giro. Mi dispiace ma sono IO che non sono d’accordo con il tuo stile di vita e con la maniera in cui cresci i tuoi figli eppure io non te lo vengo a sbattere in faccia né ti do un servizio peggiore al ristorante. Tieni quella boccaccia chiusa e prega che non ci incontriamo più.

Storie del genere succedono di frequente. Lo scorso mese, un cameriere gay di un bistro italiano, nel Kansas, ha ricevuto sul retro della ricevuta un violento messaggio omofobico. Mentre all’inizio dell’anno una coppia lesbica ha ricevuto, dal proprietario di un ristorante, un messaggio omofobico che le invitava a chiedere perdono a Dio.

 

 

 

 

Huffington Post.it

Redazione web 15-11-2013

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here