Non sfidare i tuoi genitori a correre: alla tua età erano molto più veloci di te

 photo url-1_zpsa99fc018.jpeg

I ragazzini non corrono più veloci come i loro genitori alla loro età e la salute cardiovascolare nell’infanzia sta peggiorando. Le cause sono soprattutto legate al sovrappeso.
Complessivamente, nel mondo, i giovani perdono circa il 5% di velocità ogni 10 anni.

Gli italiani un po’ di più: – 6%, come i bambini americani.

I giovani sono cosi’ il 15% meno in forma dei loro genitori alla loro età e, correndo 1 miglio (1,609 km), vanno più lenti di 1 minuto e mezzo rispetto alle generazioni precedenti.

Lo attesta la prima, corposa, ricerca svolta alla scuola di scienze della salute della University of South Australia e presentata oggi al congresso dell’American Heart association, in corso a Dallas. I ricercatori hanno analizzato 50 studi sul fitness nei ragazzi fra il 1964 e il 2010 includendo oltre 25 milioni di bambini, di età fra i 9 e i 17 anni, di 28 paesi.

”Sono 8.000 i ragazzi italiani osservati nella nostra indagine, hanno dagli 11 ai 17 anni e il loro declino è simile agli altri ragazzi” spiega all’Ansa Grant Tomkinson, che ha coordinato la ricerca. “La salute cardiovascolare sta calando nel mondo e dal 30 al 60% delle cause del calo della performance sportiva sono dovute all’accumulo di grasso. I giovani oggi possono essere più forma di una volta ma, paradossalmente, si muovono meno. Dovrebbero correre, anche intorno a una pista, andare in bicicletta, nuotare a lungo. Solo con uno sforzo prolungato si mantengono in salute il cuore, i muscoli e l’apparato circolatorio”.

Un appello ad aumentare le occasioni sportive, anche non agonistiche, per i bambini arriva dalla Società italiana di pediatria (Sip) in occasione degli Stati Generali della pediatria che si svolgono il 20 novembre, giornata mondiale del bambino e dell’adolescente. A Roma, al Campidoglio, pediatri, esperti di attività fisica, alimentazione ed atleti si confronteranno in un congresso ‘Bambini, attività motoria e sport’, mentre in diverse città della penisola si svolgeranno numerose altre attività dedicate all’importanza dell’attività fisica per il benessere e lo sviluppo psicofisico dei piccoli e dei ragazzi.

 

 

 

 

 

Ansa.it

Redazione web 20-11-2013

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui