Nuova vita per il Teatro Sant’Antonio, grazie ad un investimento comunale di 1,5 milioni di euro

Teatro Sant’Antonio
Teatro Sant’Antonio

Si apre una nuova fase per la vita culturale a Montecchio Maggiore. La Giunta comunale ha approvato il progetto di fattibilità tecnica economica per la completa ristrutturazione del Teatro Sant’Antonio, la cui proprietà è stata recentemente ceduta gratuitamente al Comune dalla Parrocchia del Duomo.

È stato proprio il passaggio di proprietà a spingere il Comune ad investire un’ingente somma, 1,5 milioni di euro, per la totale riqualificazione, dal punto di vista tecnico, ma anche della sicurezza, dell’edificio risalente agli anni Venti e da sempre cuore pulsante delle proposte artistiche in città.

Il progetto di fattibilità, che potrà essere oggetto di successivi aggiustamenti, sarà presentato nel dettaglio il 17 novembre in una Commissione consigliare congiunta Cultura e Ambiente e dovrà essere confermato in sede di approvazione del bilancio. In questa prima stesura, il progetto prevede numerosi interventi, che di fatto daranno un volto nuovo al teatro: riqualificazione edile complessiva (pavimenti, rivestimenti, serramenti, finiture); riqualificazione energetica; rifacimento impiantistico, meccanico ed elettrico complessivo ai fini messa a norma del teatro; creazione all’esterno dell’edificio della nuova bussola di accesso che costituirà l’ingresso principale al teatro; spostamento del muro di divisione tra foyer e platea, con il risultato di ampliare la hall realizzando i nuovi servizi igienici e un nuovo guardaroba; miglioramento della visibilità, ipotizzando un nuovo allestimento delle poltroncine con file a posti sfalsati, con capienza complessiva del teatro di circa 400 posti; mantenimento della galleria nei livelli e nei gradoni esistenti, estendendo il livello più basso in maniera da ottenere un gradone in più; rivestimento delle pareti con un sistema di pannelli acustici- decorativi, che avrà integrati anche una parte del sistema di illuminazione di sala/scena e l’impianto dei diffusori acustici; riqualificazione degli spazi esterni con la creazione di una rampa di ingresso e di una zona a verde.

L’intento dell’Amministrazione comunale è di completare la fase progettuale nel prossimo anno (con le eventuali modifiche che saranno individuate), per dare il via ai lavori nella primavera 2022.

“Si tratta sicuramente di una delle opere pubbliche più importanti di questo mandato amministrativo – sottolinea il sindaco Gianfranco Trapula – perché mettiamo mano ad un edificio storico della nostra città, che è caro a tutti i montecchiani. Restituiremo un edificio con caratteristiche ideali per attività culturali di primissimo livello”.

“Il Teatro Sant’Antonio – afferma l’assessore alla cultura Claudio Meggiolaro – ha ospitato sul suo palco centinaia di artisti di primissimo grido, diventando punto di riferimento culturale anche a livello regionale. Ora che la proprietà è passata al Comune, non potevamo esimerci dal realizzare un’opera di ristrutturazione che sicuramente darà al teatro ulteriore prestigio”.

Redazione web
12/11/2020

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui