Pietro Lagnerini premiato “consigliere onorario” di Arzignano

0
11

 photo resource_zps8417f663.png

L’Amministrazione continua nel percorso di ringraziamento e omaggio dei cittadini distintisi per meriti istituzionali, professionali, per valore civile e militare che con il loro operato negli anni hanno saputo donare notorietà alla Comunità di Arzignano.

Una misura voluta dall’Amministrazione Gentilin e recepita dal Consiglio Comunale, in data 20 febbraio 2010, che ha approvato, con voto unanime, la deliberazione che ufficializza l’istituzione dell’Albo d’onore come disposto dall’articolo 75 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale, secondo cui oltre agli ex Amministratori, saranno iscritti nell’albo i cittadini distintisi per meriti istituzionali che saranno insigniti del titolo di Consigliere Onorario.

Il 7 marzo a Pietro Lagnerini, durante il Consiglio Comunale, è stato consegnato il titolo di nuovo Consigliere Onorario della Città di Arzignano.

Il Presidente del Consiglio, Alexandre Galiotto: “La consegna del titolo a Pietro Lagnerini per meriti professionali ma anche civili considerato l’impegno che ha profuso nella Città a partire dagli anni ’50, è avvenuta in occasione del Consiglio Comunale del 7 marzo presso la Sala Consiglio del Palazzo Municipale”.

Il Sindaco, Giorgio Gentilin dichiara: “Pietro Lagnerini, lo conosco fin da bambino, quando scendevo da Corso Matteotti per recarmi al Mattarello, un uomo enigmatico e con uno spirito imprenditoriale indomito, da sempre ha stimolato in me la voglia di fare, di rischiare nella vita per perseguire i migliori risultati! Pietro è un esempio di quella imprenditoria del nordest che ha fatto crescere il nostro paese”.
Estratto Vita dalla biografia di Pietro Lagnerini

Classe 1925, nato ad Arzignano il 29 agosto da padre Luigi e madre Lucia Vaccari.

Inizia a lavorare a 14 anni, il 1 settembre 1939, nel giorno in cu la Germania oltrepassava la frontiera e iniziava l’invasione della Cecoslovacchia, dando inizio alla Seconda Guerra Mondiale.

Giacomo Pellizzari l’aveva assunto e il primo giorno di lavoro Pietro gli rovesciò addosso il tè bollente e il capo lo licenziò in tronco, salvo poi richiamarlo e farne il suo uomo di fiducia.

Negli anni Sessanta inizia l’attività di commerciante di pellami, rappresentando le più importanti realtà conciarie dell’epoca, quanti viaggi con la sua “850” da e per le Marche, terra di fiorente artigianato calzaturiero.

Nel 1965 Pietro Lagnerini fondò la Marly’s, acronimo di due nomi di donna: quello di Marisa Mettifogo e della moglie Ines, appassionata di moda.

Negli anni ’90 la Marly’s, produce 250 mila capi, tra dipendenti e terzisti ha 400 dipendenti ed esporta in mezzo mondo dalla Germania al Giappone.

Pietro Lagnerini è stato autista, rappresentante di pellami, ristoratore e imprenditore ma allo stesso tempo ha dedicato i suoi interessi all’arte e alla cultura e alla grande passione per Giuseppe Verdi.

Numerose le iniziative di solidarietà che Lagnerini ha condotto in prima persona, tutti ricordano il suo interesse durante il periodo dei sequestri di persona che ha interessato la nostra Comunità, dove molti passaggi delle trattative per liberare Carlo Celadon furono discussi a casa sua.

Molto attivo nel sociale e nell’educazione dei ragazzi, si ricorda tra le numerose attività svolte da Lagnerini il ruolo di Presidente della Scuola Materna “Ines Bonazzi” negli anni ’90, coordinando e contribuendo al restauro di parte dell’ Asilo Bonazzi.

Gli Arzignanesi gli riconoscono virtù di saggezza e mediazione, dietro la sua arte enigmatica e un po’ sfuggente in realtà, c’è una persona che è ascoltata e considerata.

 

 

 

 

 

Comune di Arzignano

Redazione web 10-03-2014

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here