Psichiatria lascia il distretto Ovest e si trasferisce al San Bortolo

ospedale

Novità in campo sanitario. Da martedì 2 novembre infatti, il reparto di psichiatria del Dipartimento di Salute Mentale dell’ospedale di Montecchio sarà temporaneamente trasferito al San Bortolo. Il 3° Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC) di Montecchio arriverà a Vicenza, dove già hanno sede il 1° e il 2° SPDC.

Uno spostamento con il fine di ottimizzare la presenza del personale del reparto e che riguarderà esclusivamente le degenze, l’attività di consulenza ambulatoriale, invece, continuerà a tenersi nelle solite sedi del distretto Ovest. 

«Le degenze del Servizio Psichiatrico saranno riattivate a Montecchio Maggiore una volta completato il nuovo ospedale» Spiega in una nota ufficiale Ulss Berica. Un trasloco temporaneo quindi, dato che il reparto di psichiatria tornerà a Montecchio una volta ultimato il nuovo ospedale. Saranno almeno quattro gli anni stimati per terminare l’opera che, pare, sarà pronta a fine 2025.

Redazione web
29/10/2021

1 commento

  1. Non conosco le vostre fonti ma dall’interno in realtà il reparto viene smantellato lasciando scoperto un vasto territorio. A Vicenza rimangono i due SPDC con 30 posti letto dai quali bisogna sottrarre i posti letto assegnati ai casi covid 19. I dipendenti vengono assegnati ad altre destinazioni a parte alcune unità che andranno a sostituire posti vacanti in SPDC uno e due e trasferimenti richiesti dal personale in servizio al momento nei due SPDC. La cosa grave non riguarda il personale ma il disagio che viene creato ai malati psichiatrici considerati di poco profitto a livello aziedale in questo caso non parliamo di sanità e aiuto al cittadino ma di profitti. I dati parlano chiaro il paziente psichiatrico non rende è solo una spesa, per il paziente psichiatrico non vengono erogati fondi a sufficienza. Quattro anni sono lunghissimi dove Vicenza è satura con un territorio al quanto vasto è spesso con posti letto insufficienti e costretti a ripiegate sul terzo SPDC ( Montecchio Maggiore) pensate a come verrà risolto la mancanza in questi quattro anni.
    Per concludere nulla è certo non c’è garanzia per il futuro, è meglio pensare al presente e fare tutto il necessario per non perdere i posti letto del reparto SPDC tre di Montecchio Maggiore
    Lanzetta Falciano Domenica

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui