Raccolta firme per la riapertura di parrucchieri e centri estetici

Lanciata una raccolta firme per sollecitare la riapertura delle imprese nel settore del benessere. La Confederazione Nazionale dell’Artigianato e delle Imprese, assieme alle altre associazioni datoriali dell’artigianato apre una petizione nazionale con il fine di permettere la riapertura, in zona rossa, di parrucchieri e centri estetici. Pare infatti che, con la chiusura delle attività legali si sia incentivato il dilagare dell’abusivismo.  Soggetti senza alcune competenze e requisiti professionali si improvvisano acconciatori ed estetisti, non rispettando le norme di sicurezza per poter svolgere l’attività, né tantomeno i protocolli anti-Covid. Contribuendo, così, al dilagare del virus.

La petizione, che è stata caricata sulla piattaforma change.org, in poche ore ha già raggiunto l’85% delle adesioni prefissate a livello nazionale. Tra le richieste di CNA anche una definizione del piano vaccinazioni rispetto alle categorie economiche non essenziali. 

«La chiusura in zona rossa è ingiustificata – afferma Michela Splendore, Presidente Acconciatori CNA Veneto Ovest –: il nostro settore si è dotato di tutte le garanzie necessarie a riaprire nella massima sicurezza, non è un caso che saloni di acconciatura e centri estetici, in questi mesi, non abbiano mai rappresentato fonte di contagio». 

Qui il link per sostenere la petizione.

Redazione web
01/04/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui