Rave party al Tesino

rave_bau

Buio, musica a tutto volume, balli e droga. Un rave party in piena regola. Ma il gruppo di ragazzi non aveva fatto i conti con i carabinieri. I militari hanno notato subito l’insolito afflusso di auto con a bordo ragazzi che salivano verso il Tesino.

Un via vai sospetto. Così hanno deciso di intervenire e hanno fermato alcuni ragazzi per un controllo. «Andiamo a una festa » hanno detto sbrigativi i giovani, confermando i sospetti dei militari. Le ricerche sono iniziate in serata e sono proseguite anche al mattino.

I militari hanno scandagliato la zona verso le piste del passo, al terminal della seggiovia. Da lontano si percepiva la musica. Dopo aver percorso una strada forestale, fino a raggiungere la radura, a 1.750 metri di quota, hanno trovato un gazebo con gli impianti di diffusione sonora. Il blitz è scattato domenica verso mezzogiorno. I carabinieri hanno stoppato la musica e hanno proceduto all’identificazione dei ragazzi, tutti tra i 20 e i 28 anni, ma tra loro c’erano anche otto minorenni. Giovani arrivati da tutto il Nordest, da Feltre, Treviso, Padova, Verona, ma anche da Ferrara, oltre che dalla val di Non e da Rovereto. Erano stati chiamati a raccolta attraverso un tam tam di messaggi. Tutti «attrezzati » di grossi amplificatori e casse acustiche.

Una settantina di ragazzi (68 per l’esattezza) che sono stati tutti controllati e ora verranno denunciati per invasione di terreni. Molti di loro erano già noti alle forze dell’ordine e con precedenti specifici. Nei guai è finito anche l’organizzatore della festa, un diciassettenne di Feltre a cui è stato contestata l’organizzazione di uno spettacolo senza autorizzazioni, mentre altri diciannove ragazzi, che erano alla guida delle automobili salite sul passo Brocon, sono stati sanzionati per aver aver percorso una strada forestale senza alcun permesso. Ma ora il gruppo di «festaioli» rischia di non poter più far ritorno in Tesino. I carabinieri hanno infatti chiesto al questore il foglio di via da Castello Tesino. Nel frattempo i carabinieri hanno sequestrato anche otto casse acustiche di grandi dimensioni, una consolle, un mixer, tre amplificatori, un gazebo e due gruppi elettrogeni. La festa al passo per i settanta ragazzi alla fine si è conclusa nella caserma dei carabinieri.

 

 

 

 

Corriere della Sera.it

Redazione web 23-07-2014

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui