Real Futsal Arzignano: con Milano è solo pari, si allontana la capolista

marzotto, portiere arzignano contro Milano
Real Futsal Arzignano riacciuffato nel finale da Milano viene fermato sul pari e la capolista PesaroFano si allontana.
Facce deluse e non potrebbe essere altrimenti dopo la sirena del palasport di Sedriano. Avanti 4 a 1 all’11’ della ripresa i biancorossi si sono fatti riprendere da un Milano bravo a crederci fino alla fine col minuto finale che ha regalato il punto del pari ai padroni di casa che hanno pareggiato a dieci secondi dalla sirena con capitan Esposito. Rammarico e delusione sul pullman che ha riportato gli arzignanesi a casa per una partita in mano poi sfuggita col distacco dal primato che ora aumenta a quattro punti. Nella sfida di Sedriano si sono rivisti in campo Amoroso e Javaloy col giovane portiere Marzotto entrato a freddo in corso d’opera per sostituire Urbani costretto ad uscire per una pallanota in faccia che lo ha messo fuori uso. Ora i pensieri si spostano a sabato prossimo quando al PalaTezze arriverà l’ostico Ciampino, li assoluto bisogno di tornare a vincere.
MILANO-ARZIGNANO 4-4
MILANO: Juanpe, Peverini, Gargantini, Pascucci, Mendes, Esposito, Briguglio, Fantecele, Brioschi, Migliano Minazzoli, Tondi, Ghezzi. All. Sau.
ARZIGNANO: Marzotto, Canto, Houenou, Negro, Marcio, Rosa, Manzalli, Javaloy, Amoroso, Major, Yabre, Urbani. All. Stefani.
ARBITRI: Perona di Biella e Davì di Bologna.
RETI: pt 5’19” Major (A), 6’47” Yabre (A), 15’13” autorete Juanpe (A), 17’02” Fantecele (M). St 11’35” Canto (A), 15’28” e 19’01” Migliano Minazzoli (M), 19’50” Esposito (M).
NOTE: ammonito Major (A). Tiri liberi 0/1 (M), 0/0 (A). Spettatori 250 circa.
La cronaca del match
Amoroso torna titolare con Canto, Marcio e Major in campo, tra i pali Urbani a garanzia della porta biancorossa. I milanesi orfani degli squalificati Leandrinho, Alan e Murdaca mettono in quintetto Tondi in porta, gli ex Mendes e Fantacele con capitan Esposito e Gargantini di movimento. La prima occasione è di Amoroso che col Milano è partito nel mondo del futsal, il tiro però esce a lato. La risposta dei padroni di casa con Gargantini che si divora un gol fatto davanti la porta. Al 5′ il neo entrato Peverini regala una palla d’oro a Major che parte veloce verso la porta avversaria, fa sedere Tondi con un finta perfetta e deposita a porta vuota la palla dell’1 a 0. Il Milano è colpito e i biancorossi ne approfittano per firmare il bis con Yabre che vola di forza in contropiede e di precisione batte per la seconda volta Tondi al 7′. Urbani para su Minazzoli e al 15′ i ragazzi di Stefani festeggiano il tris sull’autorete di Juanpe che devia in rete un cross biancorosso. Gara chiusa con Fantecele che spreca su tiro libero mandando altissimo sopra la traversa dal dischetto. Al 16′ Sau mette dentro Esposito come portiere di moviemento senza fortuna e al 17′ con Tondi rientrato tra i pali Fantecele accorcia in contropiede servito da Minazzoli. Prima della sirena del riposo doppia chance per Amoroso fermato due volte dal portiere locale.
Nella ripresa parte meglio il Milano ma Esposito sfiora soltanto il gol del meno uno con la palla che lambisce il palo lontano. Al 6′ Amoroso di testa prova a ritrovare la via del gol ma Tondi mette in corner. Al 10′ Urbani costretto ad uscire, il tiro potente di Mendes colpisce in pieno volto il portiere biancorosso che lascia il campo al collega Marzotto. Il baby numero uno si fa subito vedere con un paio di no puntuali a Fantecele e Gargantini che mantengono il più sul tabellone. Risultato che cambia all’11’ quando Canto vola in contropiede sulla corsia sinistra, di fisico resiste ad un difensore e poi con Tondi in uscita lo beffa di precisione infilando la sfera dove non può arrivare per il 4 a 1 berico. Tre reti di vantaggio sono un bel bottino da amministrare ma gli otto minuti abbondanti prima del gong sono un’infinità specie quando il Milano torna dentro col portiere di movimento, tattica che porta Minazzoli al gol del meno due al minuto 15. L’Arzignano non riesce a freddare i padroni di casa che si caricano di aspettative al minuto 19 e 1 secondo quando Minazzoli firma il bis personale che fa esplodere il pubblico di casa. Pubblico che va in visibilio quando a dieci secondi dalla sirena capitan Esposito firma il pari che lascia di stucco un Arzignano da rivedere nel finale di gara. Pari e patta dopo un match dai due volti, ora però pensieri al Ciampino per ritrovare subito la via della vittoria.

 

 

Ufficio Stampa Arzignano C5
Redazione web 16/01/2017

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui