‘Reazione a catena’, capolinea (vincente) per le Binario 3

“Abbiamo guadagnato una bella cifra, considerando che siamo delle studentesse. Sicuramente ci faremo un bel viaggio!”

Si è conclusa alla terza serata l’avventura delle Binario 3 a Reazione a Catena. Vittoria Gaio, Valeria Sinico e Debora Marcazzan infatti, dopo due brillanti vittorie, si sono dovute arrendere al trio pugliese dei “Ritentacoli”. Le ragazze sono comunque uscite a testa alta, per un soffio, dal popolare game show di Rai 1 e, soprattutto, con un bottino niente male: è di ben 28.000 euro il gruzzoletto accumulato dalle giovani nel corso delle puntate.

La vittoriosa serata delle vicentine "Binario 3"
Debora Marcazzan, Vittoria Gaio e Valeria Sinico festeggiano la vittoria nel quiz finale di “Reazione a catena”.

Frutto anche del lavoro fatto in fase di preparazione: “Ci siamo allenate molto – raccontano – e alla fine abbiamo fatto bella figura. Siamo riuscite a sfruttare al meglio le nostre caratteristiche: Valeria è la più riflessiva, Vittoria la più diplomatica, mentre Debora la più competitiva. Quando al gong devi scegliere la parola che ti può far vincere o perdere, contano intuito, intesa e il sapersi fidare dell’altro”.

Bilancio, insomma, positivo per le vicentine: “È stata una bellissima esperienza – confermano –. La parte più difficile è stata sicuramente L’intesa Vincente: il fatto di dover fare una gara di velocità contro l’avversario ti mette addosso un sacco di pressione. In più, ed è una cosa che non si nota da casa, si fa fatica a sentire, per cui spesso chi deve indovinare la parola intima alle altre di parlare più forte. Il grosso dispiacere è di non essere riuscite a vivere appieno la vittoria, perché c’è stata subito un’altra puntata da registrare. Si iniziava alle 8.00 e si finiva alle 20.00: una puntata, che dura circa un’ora, richiede almeno tre ore di registrazione. Per fortuna, tra una registrazione e l’altra, c’è stata di mezzo la domenica: abbiamo colto l’occasione per visitare Napoli”.

E ora con la vincita? “Un viaggio, dopo questo periodo, sarebbe quello che ci vuole. Poi, perché no, potremmo toglierci qualche altro sfizio”.

Redazione web
05/08/2020

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui