Riaprono gli impianti di Recoaro Mille?

Dopo la decisione del Ministro della Salute di prorogare lo stop degli impianti fino a 5 marzo, lo sci è diventato argomento di dibatto nazionale. E parlando di baite e discese a chi, abitando nell’Ovest Vicentino, non è subito saltata in mente la leggendaria “nera” di Montefalcone? Gli impianti di Recoaro Mille, Covid o non Covid, sono purtroppo al palo da ormai quattro anni. Un vero peccato per un comprensorio che è stato per decenni il punto di riferimento per la parte occidente della Provincia.

Ma com’è la situazione degli impianti di Recoaro Mille? C’è l’idea di ripartire, e soprattutto quando? Noi del Corriere Vicentino siamo andati a bussare alle porte del Comune di Recoaro Terme.

«Siamo in una fase di progettazione esecutiva di una serie di interventi per riqualificare l’area – spiega il Vicesindaco ed Assessore ai Lavori Pubblici Enrico Storti –. Parcheggi, area camper, piste di downhill, tutto con l’obiettivo di riqualificarla per il periodo primaverile ed estivo. Per quanto riguarda invece il periodo invernale, è prevista anche la ripartenza della seggiovia che da Recoaro Mille porta al Rifugio Montefalcone, e la ristrutturazione dello stesso».

Buone notizie quindi per gli amanti della montagna. L’assessore, tuttavia, tiene a fare una precisazione: «Dipenderà anche dalla stagionalità – prosegue –. Quest’anno ha nevicato molto, ma non è detto che l’anno prossimo sarà lo stesso. Neve permettendo, gli impianti ci sono: presumiamo, considerando che gli interventi si svolgeranno tra giugno e luglio, di riuscire ad avere la disponibilità degli impianti per ottobre di quest’anno».

Il clima, comunque, resta fiducioso «Stiamo facendo un intervento di circa due milioni di euro. Crediamo che ci siano delle potenzialità, anche perché in questo momento c’è stato una forte ripresa della presenza in montagna. Per quanto riguarda la gestione invernale, come ho già detto, dipenderà molto dall’innevamento, ma restiamo fiduciosi».

 

Redazione web
16/02/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui