«Rischiamo di morire»: lo sport scende in piazza

The sport must go on. No, non è un errore di battitura. Non stiamo parlando del famosissimo singolo dei Queen, bensì del nome della manifestazione che il Coni Veneto organizza il prossimo fine settimana, per chiedere attenzione e aiuto concreto. L’obiettivo è uscire dalla crisi che ha investito il settore, soprattutto quello dilettantistico, a causa della pandemia. Crisi che ovviamente ha colpito anche le realtà dell’Ovest Vicentino.

Le delegazioni provinciali, con il Comitato Italiano Paralimpico, e altri rappresentanti, si daranno appuntamento sabato 8 maggio alle 11.00 in varie piazze dei capoluoghi di provincia: Esedra Campo Marzo per Vicenza.
In programma un presidio statico e pacifico, nel rispetto delle norme anti-Covid, durante il quale verranno evidenziate le molteplici difficoltà in cui versa tutto il comparto dilettantistico. Criticità non solo economiche (spese e minori introiti), ma anche crisi di carattere sociale e psicologico che sta colpendo i ragazzi, con un calo di adesioni.

«Questo evento – spiega il presidente Coni Veneto Dino Ponchio – sarà un’occasione di incontro e di visibilità per le società sportive e per lo sport di base che, se non verrà aiutato in tempi brevi, rischia di morire. Una richiesta di aiuto rivolta a chi può e deve intervenire, ovvero istituzioni, enti pubblici, fondazioni, privati e ovviamente Regione Veneto».

Redazione web
03/05/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui