Sabato 27 marzo si commemorano i quattro martiri

Sabato 27 marzo si terrà, in forma ridotta nel rispetto delle normative anti Covid, l’annuale commemorazione dei quattro operai delle Officine “Pellizzari” di Arzignano, trucidati dai nazifascisti al castello di Montecchio Maggiore il 30 marzo 1944: Umberto Carlotto, Cesare Erminelli, Luigi Cocco, Aldo Marzotto.

I quattro furono arrestati a seguito del grande sciopero del 29 marzo 1944 contro la richiesta degli occupanti tedeschi di destinare al lavoro forzato in Germania macchinari e maestranze locali. Contrariamente alla promessa del comando tedesco di Valdagno di non attuare rappresaglie, diffusa per far cessare lo sciopero, il 30 marzo il comando SS di Verona, avvertito dalle autorità fasciste locali, decise di dare un segnale esemplare alla resistenza operaia e civile: vennero così arrestati quattro operai indicati da spie come i promotori dello sciopero, e con loro altri 23 operai, successivamente deportati in Germania.
I quattro, condotti in gran segreto presso il castello di Montecchio Maggiore, vennero uccisi con un colpo di pistola alla nuca. La sentenza fu resa nota dopo l’esecuzione e alle famiglie fu impedito di piangere i propri morti. Solo a guerra finita si poterono tenere i funerali solenni dei quattro.

Assieme a loro saranno ricordati anche gli operai Giuseppe Rampazzo e Giovanni Salvato, deportati in campo di concentramento e morti durante la prigionia, e i cinque lavoratori della “Pellizzari” caduti nel corso della Guerra di Liberazione: Giovanni Ferin, Eucaristo Marchetto, Giovanni Moretto, Antonio Pana, Giuseppe Piacentini.

La cerimonia, con inizio alle 9.30, vedrà la presenza delle sole autorità civili e militari, delle rappresentanze in forma ridotta delle associazioni combattentistiche e di una rappresentanza dell’Istituto “Silvio Ceccato”, che per molti anni, ha condotto la commemorazione. La seconda parte della commemorazione si terrà ad Arzignano con il raduno, sempre in forma ridotta, presso il Monumento “Ai Caduti del Mare e Quattro Martiri” in via Diaz.
L’evento è promosso dall’ANPI e dalle Città di Montecchio Maggiore e Arzignano.

Redazione web
25/03/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui