San Bortolo: approvata rotatoria e ciclopedonale

Una nuova opera urbanistica è pronta a vedere la luce. L’Amministrazione Comunale di Arzignano ha infatti approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica dei lavori di realizzazione della nuova rotatoria a San Bortolo e della pista ciclopedonale.

UN’OPERA FONDAMENTALE. Si tratta di un’opera importante per la rilevanza strategica dello snodo viario che si trova tra via Del Commercio e via Montorso – S.P. 31“Valchiampo” – e per le criticità dovute al traffico intenso ed alla presenza di veicoli pesanti da e per le aree produttive dislocate lungo il percorso della strada provinciale. L’importo complessivo dell’opera è di 750.000 euro: 399.000 per la rotatoria e 351.000 per la ciclabile. Entro il 31 ottobre 2021 deve essere approvato il progetto esecutivo. In seguito all’espletamento della gara per l’individuazione ditta è previsto inizio lavori a primavera del 2022.

LA ROTATORIA. La rotatoria avrà un diametro di 25 metri e tre braccia. Verrà eliminato il semaforo e i lavori comprenderanno anche la demolizione delle isole spartitraffico e la realizzazione del marciapiede di collegamento e completamento con l’esistente su Via Valle, con posa guard rail in corrispondenza della rotatoria, la realizzazione di aiuole salvagente in corrispondenza degli attraversamenti di Via Valle e Via del Commercio e l’adeguamento impianto di illuminazione.

LA PISTA CICLABILE. La pista ciclabile, Di attraversamento dello snodo viario, sarà lunga circa 270 metri, e sarà una variante all’attuale tratto ciclabile ammalorato e a raso e permetterà il passaggio in sicurezza dei ciclisti. La lunghezza dell’attraversamento di via del commercio in prossimità della rotatoria e del ponte sul Chiampo è attualmente abbastanza impegnativa – 15metri. La pavimentazione sarà prevista in cemento drenante e colorato in modo tale da non modificare in modo sostanziale la permeabilità idraulica delle superfici.

 

Redazione web
29/07/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui